Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Siora Giulia, Orsetta e Chiaretta

 

GIU. De diana, co la se petta, no la la fenisse mai.

ORS. Se andemo ancuo, la ne parecchierà da marenda.

CHIAR. Mi a pettarme su un balcon, no gh’ho gnente de gusto; co no andemo sul Liston26, mi no vegno gnanca fora de casa.

GIU. Cossa voleu che andemo a far sul Liston? Ghe xe un mondo de baronaggia, che no se pol camminar. Truffaldini, purichinelli, gnaghe27, tutti i baroni ghe corre drio, e co se gh’ha intorno qualcossa de bon, se va a rischio de imbrattarse. No, no fie mie; la roba la costa bezzi. Anderemo da siora Tonina, vederemo a passar le mascare. Se no altro, la ne darà del vin dolce, e po chi sa? No ve dubitè gnente. Anca da ela ghe va dei scartozzetti28, i se farà onor. Anca nu beccoleremo29 qualcossa. (parte)

 

 

 





p. -
26 Luogo del passeggio delle maschere nella Piazza di S. Marco.



27 Maschera uomo vestito da donna della plebe, che parla, e parla con qualche libertà.



28 Giovinotti.



29 Mangeremo, buscheremo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License