Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Sior Todero e siora Lugrezia

 

TOD. Patrona, siora Lugrezia.

LUG. Oh patron, sior Todero! Che bon vento?

TOD. Vento cattivo, siora Lugrezia.

LUG. Cossa vol dir?

TOD. I ho persi tutti.

LUG. Poverazzo! me despiase da senno. Mo no zioghè, caro fio; aveu perso assae?

TOD. Ho perso vinti ducati che gh’aveva in scarsella; ma quel che stimo è che ghe n’ho perso trenta sulla parola.

LUG. Oh putto, putto, ve volè ruvinar. E vostra muggier, poverazza, cossa dirala?

TOD. Eh, mia muggier no me fa né freddo, né caldo; me despiase che, se no pago sti trenta ducati, i me vien a svergognar sulla bottega.

LUG. Mo paghèli, caspita; no perdè el concetto per cussì poco.

TOD. Per questo, siora Lugrezia, son vegnù da vu a pregarve de sto servizio, che me imprestessi sti trenta ducati, fina che vendo certa tela muneghina48, che no passerà quindese zorni che ghaverè i vostri bezzi.

LUG. Oh, caro fio, adesso no ghe n’ho! Ho pagà el fitto giusto gieri. Ho fatto delle altre spese. Credeme, sior Todero, che no ghe n’ho.

TOD. M’avè fatto sto servizio delle altre volte, e son stà pontual.

LUG. Xe vero, de vu no me posso lamentar.

TOD. Vardè, ve lasso in pegno sta camisiola...49

LUG. Per quanto?

TOD. Aspettè; anca sto codegugno50.

LUG. Oh sior Todero, sta roba no val sti bezzi.

TOD. Tolè, ve darò anca sta scatola.

LUG. Quanto varla?

TOD. L’ho comprada sta mattina da sior Boldo orese. Gh’ho tre zecchini e la ghe ne val più de quattro.

LUG. Me despiase che no credo d’aver tutti i bezzi.

TOD. Cara siora Lugrezia, ve prego, fèmelo per carità. Se tratta della mia reputazion. Sentì, deme trenta ducati d’arzento e ve farò la ricevuta de quaranta.

LUG. Per darmeli quando?

TOD. Da qua a quindese zorni.

LUG. Vardè, che se no me li , bisognerà che venda. Sti bezzi no xe mii, bisognerà che li trova.

TOD. Se no ve li dago, farè tutto quel che volè.

LUG. Diseme, caro vu, se vegnisse qualche mio amigo a domandarme per servizio, che ghe imprestasse per andar in maschera sta camisiola, o sto codegugno, ve che per servizio ghe lo impresta?

TOD. No vorria mo....

LUG. Cossa ghaveu paura? No ve fidè de mi?

TOD. No vorria che i me lo dezzipasse51.

LUG. Oh, no ve dubitè! E po, quando mai, son qua mi.

TOD. Mo a chi lo vorressi dar?

LUG. Gh’ho un mio nevodo, che qualche volta, poverazzo, el vien da mi e l’immaschero. Oh, no v’indubitè! el xe netto co fa un zensamin52.

TOD. Basta, no so cossa dir. parona de tutto. Via, deme sti bezzi, che me cava sto spin dal cuor.

LUG. Poverazzo, me fe peccà. Ve agiuto volentiera. Sentì, un’amiga della mia sorte stenterè a trovarla. No gh’è caso: son de bon cuor. (parte)

TOD. La xe de bon cuor, ma la me magna ottanta lire. Ah pazienza! Maledetto ziogo. (parte)

 

 

 





p. -
48 Sorta di tela di questo nome.



49 Sottabito.



50 Veste da uomo in figura ndi mezza veste da camera.



51 Guastasse.



52 Gelsomino.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License