Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Sior Baseggio e Arlecchino

 

ARL. Sior sì, questa xe la casa de siora Lugrezia.

BAS. Mo dove xela?

ARL. L’ho mandada a chiamar dalla serva. Fermemose un pochettin, che la vegnirà.

BAS. Xela ricca sta vedoa?

ARL. De dota credo che la possa star al par d’un’altra.

BAS. Quanti anni ghaverala?

ARL. Oh, circa ai anni, le donne le dise la verità come i impresari dei teatri, co se ghe domanda se i ha perso o guadagnà.

BAS. Ve domando cussì per curiosità, no za53 che ghe pensa, compare, perché gh’ho altri reziri. Ma per altro, el so far no me despiase.

ARL. Se v’ho da dir la verità, no la me despiase gnanca a mi.

BAS. Ma vu un facchin. Cossa v’ala da piaser o da despiaser?

ARL. Oh bella! Perché fazzo el facchin, no m’ha da piaser una bella donna? Mo cosselo el facchin? Elo fatto de carne de aseno?

BAS. No digo che no la ve possa piaser, ma ela la xe quel che la xe, e vu quel che .

ARL. Son quel che son, e la servo da quel che son, e ela la me tratta da quel che l’è.

BAS. Che vol dir mo?

ARL. Vol dir che mi ghe porto su le legne, ghe traggo l’acqua, ghe spendo, ghe fazzo dei altri servizi particolari, e ela no la me mai gnente.

BAS. Ma vu per cossa lo feu?

ARL. Per aver la so bona grazia.

BAS. E cussì buttè via le vostre fadighe?

ARL. Procuro anca mi de farme merito col me mestier. El medego se introduse in te le case visitando qualche ammalà. L’avvocato per occasion de qualche lite. El mercante dando in credenza la so marcanzia. I poeti coi soneti. I siori grandi co la protezion. E mi me introdugo fazendo el facchin.

BAS. Feu altro che el facchin?

ARL. A mi no me par de far altro.

BAS. Ve deletteu gnente de far el mezzan?

ARL. Eh, perché no? La vede ben che anca questo l’è un mestier, che se unisse perfettamente a quel del facchin.

BAS. Diseme, caro amigo, averessi difficoltà a dirghe le parole per qualchedun?

ARL. Gnente affatto. Centomille parole le pesa manco de un sacco de farina.

BAS. Lo faressi, siben che ghavè della premura per ela?

ARL. Sior sì, anzi per questo. La mia premura l’è che la me voia ben a mi, e no m’importa che la voia ben a un altro. Nualtri facchini che pratichemo in certe case ricche, vedemo tutto, savemo come la va, bisogna contentarse de quel che se pol. Lo fa un lustrissimo, e no lo pol far un facchin?

BAS. (Un gran galiotto che xe custù! Se volesse, el me batteria l’azzalin54). (da sé)

ARL. Me par che la vegna. Vólela parlar ela, o vólela che parla mi?

BAS. No, no, quel che gh’ho da dir, ghe lo posso dir anca mi.

ARL. Vólela restar sola, o vólela che ghe sia anca mi?

BAS. Co la vien, voggio restar solo.

ARL. Donca la me manda via?

BAS. Via, andè.

ARL. No posso miga andar, se no la me manda.

BAS. Andè, che ve mando.

ARL. No basta.

BAS. Ma cossa ghe vol?

ARL. Bisogna mandarme a far qualcossa.

BAS. Ma cossa?

ARL. Per esempio, mandarme a comprar del tabacco, mandarme alla posta, mandarme al caffè.

BAS. Via, andè a tor del tabacco.

ARL. La me favorissa i denari.

BAS. Tolè sta lirazza55.

ARL. Bravo! Vago a tor el tabacco, e acciò che el sia fresco, lo fazzo pestar, e no vegno se no l’è pestà. (parte)

BAS. Oh che facchin desgrazià! Tanti e tanti de costori i fa cussì. I chiappa56 possesso in t’una casa e i vol magnar. Se fusse innamorà in siora Lugrezia, starave fresco a passar per le man de custù. Eh mi, co fazzo l’amor, no vôi mezzetini57! Fazzo da mia posta, e vadagno la sansaria.

 

 

 





p. -
53 Non già.



54 Far il ruffiano.



55 Moneta veneziana del valor di quindici baiocchi, o d’un paolo e mezzo.



56 Prende.



57 Mezzani.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License