Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Siora Lugrezia e sior Baseggio

 

LUG. Chi ghe xe qua?

BAS. Siora Lugrezia, patrona...

LUG. Oh patron, sior Baseggio.

BAS. La compatissa, sala, se son vegnù a darghe incomodo.

LUG. Oh, me maraveggio, el xe patron; el me fa finezza.

BAS. Vorria pregarla d’un servizio.

LUG. Anca do, se posso.

BAS. Ancuo vorave andar in mascara, e no vorave esser cognossù. Me xe stà dito che in casa soa ghe sta una revendigola, che gh’ha dei abiti da nolizar, e mi col so mezzo vorria qualcossa de sesto da travestirme.

LUG. Oh caspita! Me despiase che donna Sgualda xe fora de casa. Se la vegnirà stasera...

BAS. Mo no, me premeria per ancuo.

LUG. Cossa ghe bisognerave?

BAS. Tutto me comoda. Velada, codegugno, zamberlucco, tutto me serve.

LUG. La gh’ha un codegugno e una camisiola che saria giusto a proposito.

BAS. Come mai se pol far? Dove la poderavio andar a trovar?

LUG. L’aspetta, sior, che anderò a véder se per sorte la camera fusse averta. Chi sa? De le volte no la la serra.

BAS. Sì, cara ela, la vaga a véder.

LUG. Vago subito. Oh putti, putti! el gran bon tempo che ghavè. (camminando)

BAS. E ela se lo gode.

LUG. Eh, fio mio, co se xe vedoe, se gode poco. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License