Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Siora Lugrezia col codegugno e camisiola de sior Todero, e detto.

 

LUG. Andè , che fortunà.

BAS. Mo gh’ho ben a caro da senno.

LUG. Vardè che codegugno.

BAS. Oh bello!

LUG. Vardè che camisiola.

BAS. Superbonazza60.

LUG. V’anderala ben?

BAS. A occhio me par de sì.

LUG. A caso ho alzà el sagiaor61 e ho trova averto.

BAS. Ghe son tanto obbligà, siora Lugrezia.

LUG. Ma no vorria che la l’avesse impegnada sta roba.

BAS. Impegnada, o no impegnada, la togo suso, e la porto via.

LUG. Mo a pian. Cossa ghe dalo de nolo?

BAS. Cossa ghe par a ela che ghe possa dar?

LUG. Mi de ste cosse no me ne intendo, ma stamattina la m’ha dito che de sti do cai62 l’ha refudà gieri diese lire al zorno.

BAS. Ih! troppo.

LUG. Mi no so cossa dir. Vedo anca mi che xe troppo, ma mi no son patrona e no me ne voggio impazzar.

BAS. Ghe darò sie lire.

LUG. No no, sior la xe una donna tanto suttila, che la me magnarave i occhi. Co no ghe comoda per un felippo63, mi no ghe la lasso portar via.

BAS. Ghe vol pazienza. Ghe darò un felippo; doman, co vegno co la roba, ghe lo porterò.

LUG. Oh, sior no, sior no. Donna Sgualda i bezzi del nolo la li vol subito. La usa cussì con tutti.

BAS. Ma mi la me cognosse.

LUG. In verità no se ghe fa torto. Bisognerave che ghe lo dasse mi.

BAS. La toga; la me daga el resto de un zecchin.

LUG. Dove vorla che trova el resto? Mi no ghe n’ho.

BAS. Donca come avemio da far?

LUG. Femo cussì: tegnirò mi el zecchin, e se lu el tien l’abito do zorni, saremo pagai.

BAS. Oh, no lo tegno altro che ancuo.

LUG. Figureve! Altro che ancuo! Co se xe in borezzo64, no se se stufa. Se el va co sto abito da la so morosa, el gh’ha da piàser cosse che fa spavento. Sì ben, el se lo caverà subito, acciò che i diga che nol xe soo. Ghe ziogo mi, che el lo tien tutti sti ultimi de carneval. Oe, trattandose de quattro zorni pol esser che donna Sgualda facilita qualcossa. Che el lassa far a mi, e che nol s’indubita gnente.

BAS. Basta. No so cossa dir. Siora Lugrezia, me remetto a ela.

LUG. Ghe l’arecomando, salo? Che el varda ben, che se el lo dezziperà, el lo pagherà.

BAS. Con tutto el nolo?

LUG. Oh sior sì! Che bella carità! Tiolè la roba a nolo per dezziparla? No la xe miga roba robada.

BAS. Via, via, no son un dezzipon; ghe ne tegnirò conto. Siora Lugrezia, a bon reverirla.

LUG. Patron, sior Baseggio. Che el me fazza un servizio; che el passa de qua in mascara, che lo veda.

BAS. Siora sì, passerò.

LUG. Ghalo macchina65?

BAS. Siora no, sarò solo.

LUG. Uh, solo! Che mascara senza sugo! Co no ghe xe un poco de macchinetta, se par tanti pandoli66.

BAS. No trovo nissuna che voggia vegnir co mi.

LUG. Oe, se no ghavè nissuna... Zitto... vegnirò mi.

BAS. Chi sa, siora Lugrezia? pol esser.

LUG. Eh malignazo! Ghe n’averè de quelle poche.

BAS. Mi? Gnanca una. (ridendo)

LUG. Oh via, almanco pagheme la sansaria dell’abito; porteme quattro confetti!

BAS. Siora sì, volentiera. (Sto abito giera meggio che lo comprasse). (da sé) Siora Lugrezia, patrona.

LUG. Putto, a revéderse. Vardeve da le scontraure67.

BAS. Grazie de l’avviso.

LUG. No ve tacchè co le mascare che no cognossè, perché co la mascara le par belle, e sotto el volto ghe xe dei mostri.

BAS. A mi me fa più paura le belle, che no xe le brutte.

LUG. Per che rason?

BAS. Perché co le vedo brutte, le lasso star, e co le vedo belle, no me posso tegnir. (parte)

 

 

 





p. -
60 Superlativo di superba



61 Saliscendolo.



62 Capi.



63 Moneta d’argento di Milano.



64 Chiasso.



65 Maschera donna.



66 Piuolo.



67 Cattivi incontri.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License