Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Lugrezia sola.

 

LUG. Che caro mattazzo che xe sto putto! Poverazzo! El xe de bon cuor. Tolè, el m’ha lassà el zecchin. Questo no lo scambio certo; indrio no ghe ne dago. El sarà bon da ziogar al lotto. Ma no miga a mità co sior Boldo: da mia posta. Oe, mi me inzegno: un poco de lotto, un poco de pegni, un poco de noletti... cioè noletti de abiti, intendemose: vôi andar all’opera, vôi andar alla commedia, e no voggio nissun che me comanda. Ancuo con una compagnia, doman con un’altra. I morosi i xe pezo dei marii, i vol comandar a bacchetta68, e mi son una testolina che vol far a so modo. Chi me vuol, me toga, chi no me vuol, me lassa. Rido, godo, me diverto, e no ghe ne penso de nissun una maledetta. (parte)

 

 

 





p. -
68 Assolutamente.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License