Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Siora Giulia e siora Orsetta

 

ORS. Mo quando vienlo sto sior barba? I risi vien colla.

GIU. Cara nezza, no so cossa dir; se volè che magnemo, magnemo.

ORS. De magnar no ghe penso; me despiase per andar in mascara.

GIU. Se savesse dove che el fusse, vorave ben andarlo a scaturir fora.

ORS. M’ha dito el zovene, che el l’ha visto andar zo per calle dei Fuseri69.

GIU. Per calle dei Fuseri? Anca sì che el xe andà da siora Lugrezia?

ORS. Oh giusto! No ghalo zurà che nol ghandarà più?

GIU. Ghe scommetto l’osso del collo, che el xe da culìa. Nezza, vusto che chiappemo su, che s’i immascaremo, e che li andemo a trovar sul fatto?

ORS. Oh! cossa mai voravela che i disesse?

GIU. Se ti savessi che voggia che gh’ho de tirarghe la drezza a quella magnona70.

ORS. Perché mo ghe disela magnona?

GIU. Me xe stà dito za un poco, che la fa pegni e che la tol l’usuria71.

ORS. E sì, a véderla, la par una donna co se diè72.

GIU. La xe una gaìna73! La xe una fia mia!74 Basta... xe meggio che tasa.

ORS. De diana, star qua cussì me bruso. (sospirando)

GIU. Se ti te brusi, vatte a bagnar. Cossa me viestu a sustar75?

ORS. Cara siora, anca mi me despiase a perder ste zornae.

GIU. Varè che casi! Ancora che ghe dago da magnar, la brontola76.

ORS. Oh, gnanca a casa mia no moro de fame.

GIU. Pettazza!

ORS. Sala cossa che gh’ho da dir? Che mia siora mare no me strapazza, e no vôi che la me strapazza gnanca ela. La la gh’ha co so mario, e la se vien a sfogar co mi?

GIU. Caspita! La ghe monta presto, patrona.

ORS. Cara siora, ogni bissa77 gh’ha el so velen.

GIU. Se la rana gh’avesse denti!

ORS. (Xe meggio che vaga via). (da sé, andando)

GIU. Dove vala, siora?

ORS. Vago a casa mia, che mia siora mare me aspetta.

GIU. Eh via, la ghe mola. No pol far ch’el vegna, anderemo a disnar.

ORS. Mi, siora, del so disnar no ghe ne dago, né bagattin. Gh’ho più gusto pan e manestra a casa mia, senza musoni, che rosto e fritto dove che sempre se cria. Patrona.

GIU. Eh, vegnì qua, nezza, andemo a tola.

ORS. Siora no, siora no, grazie. (Me preme de véder sior Baseggio; altro che de disnar). (da sé, parte)

GIU. Tolè suso. Feghe del ben a ste frasconazze; le ve ne indorme78. Gh’ho un velen che me magnerave la carne.

 

 

 





p. -
69 Strada di venezia non molto lontana dalla Piazza.



70 Che mangia, scrocca: espilatrice.



71 Errore popolaresco, detto in luogo d’usura.



72 Di buon carattere, come si deve.



73 Scaltra, che sa fare.



74 Simulatrice, che dice dolci parole per ingannare.



75 Sospirar.



76 La si lamenta.



77 Biscia.



78 Sapere mal grado.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License