Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Sior Boldo che ascolta, e dette.

 

GIU. Oh cara fia, i marii de sta sorte saria meggio che i crepasse. Una bestia de omo, che no xe bon da gnente.

CHIAR. Sior santolo, ben vegnuo. (a sior Boldo)

BOL. Siora fiozza!

GIU. Giusto adesso disevimo che no se ve vede.

BOL. Eh, siora sì, ho sentio che disevi ben de mi.

GIU. Ve par che sia ora de vegnir a casa?

BOL. Cara siora, vegno co posso.

GIU. Dove xelo stà, sior: in donna?

BOL. In quella che ve scanna.

GIU. Che boazzo82.

BOL. Se no ghe fusse sta putta, ve responderia per le rime.

CHIAR. Caro sior santolo, nol ghe staga a criar.

GIU. El sarà stà dalla so squincia83.

BOL. Son stà dal diavolo che ve porta.

CHIAR. Sia malignazo! Se i cria, no andemo altro fora de casa.

GIU. Andè , fiozza, diseghe alla massera che la manestra.

CHIAR. Siora sì, vago. Cari eli, che i fazza presto. (Gh’ho una voggia de véder Baseggio, che me sento a morir). (da sé, parte)

 

 

 





p. -
82 Materialaccio.



83 Innamorata, vaga, ben vista.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License