Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Siora Giulia, sior Boldo. Boldo si leva il cappello ed il tabarro.

 

GIU. Diseme, caro sior, cossa aveu fatta de la scatola de Franza?

BOL. L’ho vendua.

GIU. Gh’ho domandà ai putti, i dise che a bottega no l’avè vendua.

BOL. L’ho vendua fora de bottega.

GIU. Per quanto?

BOL. Per cinque zecchini.

GIU. Dove xe i bezzi?

BOL. Oh cospetto e tacca via84. Anca i bezzi v’ho da mostrar? Cossa songio, un puttelo? Anca questa ghe vorria! Mi porto le braghesse, e vu impazzevene in te la vostra rocca85.

GIU. Eh via! Co la se scalda tanto, so che ora che xe.

BOL. Cossa voravela dir, patrona?

GIU. La scatola el l’averà donada via.

BOL. A chi, cara ela?

GIU. Alla bella vedovella. (con caricatura)

BOL. Te dago una sleppa che la terra te ne un’altra.

GIU. Ma za. Subito sleppe. Subito se parla de dar. Deme, mazzeme, leveme da sti affanni de sto mondo. (piange)

BOL. Oh che gran affanni! che gran desgrazie! Povera matta. Via, andemo a tola.

GIU. Andè vu, sior; no vôi magnar tanto tossego86. (piange)

BOL. Mo via, ve digo. Se ho dito de darve una sleppa, ho fatto per burla.

GIU. Tocco de can! E quelle che ti m’ha da senno? Ti me tratti co fa una bestia. (piange)

BOL. Almanco per quella putta.

GIU. Gh’ho el cuor ingroppà. (piange)

BOL. Via, feme pianzer anca mi. (gli vien da piangere)

 

 

 





p. -
84 Maniera di giuramento di persona in collera, ma ritenuta.



85 Conocchia.



86 Tossico.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License