Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Sior Baseggio in maschera da rigattiere vien cantando, e dette.

 

BAS.Chi ha drappi vecchi da vender.

Chi ha cuori d’oro90 vecchi da vender.

El xe qua el strazzariol

Che farà quel che el puol

Per vender e comprar,

E anca per barattar,

Ma nol xe cussì matto

De far tristo baratto;

El vende roba netta,

E nol la vol sporchetta.

D’assae nol se ne incura,

Ma el vol roba segura,

Che se possa esitar,

O almanco nolizar;

Ma prima de comprarla

El vorrà visitarla.

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender.

ORS. Sior Baseggio. (a sua madre)

LUG. Bravo, mascara, bravo, tirè de longo?

ORS. (Anca siora Lugrezia lo cognosse?)

BAS.Son qua, patrona bella, (al balcone di Lugrezia)

Ghe venderò anca a ella.

Basta che la comanda,

Gh’ho un non so che da banda.

Per chi xe de bon gusto

Ghe venderò un bel busto,

Che dove gh’è mancanza

Fa parer abbondanza91.

Ghe darò una carpetta92,

Coi fianchi de stoppetta.

La se confida in mi,

Za tutte fa cussì.

So quel che ghe bisogna,

E no le se vergogna.

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender.

ORS. (Stimo che el ghe la canta a ela). (da sé)

LUG. Mascara, ghaveu confetti?

BAS. Se la comanda, la xe parona.

ORS. Séntela, siora mare? (a Fabia)

LUG. Voleu vegnir de suso? (a Baseggio)

BAS. Vegniria, ma xe tardi.

ORS. (Pulito!) (da sé)

LUG. Aspettè, che calerò zoso el cestello.

ORS. (Malignaza! Tutti i omeni la i vol per ela). (da sé)

LUG. Via, da bravo, feve onor. (cala il cestello)

BAS. La compatissa, sala, el povero strazzariol el fa quel che el pol. (mette dei confetti nel cesto)

ORS. (Suo da la rabbia). (sua madre la vuol menar via) Siora no, voggio star qua. (a Fabia)

LUG. Mascara ve ringrazio.

BAS.De mi la xe parona,

E se gh’ho roba bona,

E se gh’ho roba bella,

Tutta la xe per ella;

Ma se la gh’ha qualcossa

Che comodar me possa,

No la la tegna sconta,

Che la monea xe pronta.

Ghe darò più che posso,

Contratterò all’ingrosso.

Me basta in carneval

el capital.

Stufarla93 no vorria,

Chiappo su, e vago via.

Chi ha drappi vecchi,

Chi ha cuori d’oro vecchi da vender. (parte)

LUG. Oh che caro matto! El gh’ha speso ben el zecchin in te l’abito.

ORS. Voggio andarghe drio. (sua madre fa moto di no) Ghe digo che voggio andarghe drio. (la madre la trattiene) Se no la vol vegnir ela, che la lassa star. (parte correndo, e la madre la seguita)

LUG. Mo se vede i gran spettacoli de mascare. Quella vecchia xe la mia tentazion. Pagarave do soldi a saver chi la xe.

 

 





p. -
90 Cuoio dorato, vaghissima fornitura delle muraglie delle stanze.



91 Intende di mammelle.



92 Gonnella.



93 Annoiarla.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License