Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Sior Boldo e siora Lugrezia

 

BOL. Siora Lugrezia, vegno da ela.

LUG. Patron sior Boldo, el resta servido. Oh, sia malignazo! Se m’ha rotto la corda. Menega, va da basso a averzer la porta, che se m’ha rotto la corda. (parla rivolta al di dentro)

BOL. Una desgrazia, siora Lugrezia.

LUG. Cossa xe stà?

BOL. Do numeri chiusi.

LUG. Oh poter del diavolo! Che numeri xeli?

BOL. L’8 e el 90.

LUG. In verità che me l’ho insunià94. El voleva dir che i sarà chiusi. Co ho visto el svolo95, me par che volesse andar su un palco; e vien uno, el dise: dove vala, siora mascara? Sul palco, digo. Oh! no ghe xe più liogo, el dise. (s’apre la porta)

BOL. I ha averto; vegno de suso. (Boldo va in casa)

LUG. Vegnì, vegnì, che ve conterò. (Lugrezia si ritira)

 

 

 





p. -
94 Sognato.



95 Spettacolo in cui si vede uno a calarsi dall’alto d’un campanile per una fune pendente.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License