Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Sior Boldo di casa di Lugrezia, serra la porta, e parte; e dette.

 

GIU. Cossa? mio mario? (sulla porta)

TON. Zitto, siora Giulia. (tenendola)

GIU. Mio mario da culìa?

TON. Ma zitto, no la lo saveva?

GIU. Ah desgraziada! Vôi chiamarlo.

TON. No, cara ela, no femo sussuri.

GIU. Mio mario...

TON. Zitto, se la me vol ben.

GIU. Oh poveretta mi!

TON. La vegna drento.

GIU. Voggio andarghe drio.

TON. Mo via, la vegna drento.

GIU. Ah siora Tonina! son sassinada. (si ritirano)

CHIAR. Oh, co stufa che son de ste zanae107, e per quel che i me conta, a Venezia ghe ne xe assae de sti marii e muggier. Vago vedendo che sarà meggio che me marida de fuora.

 

 

 





p. -
107 Cose da Zanni.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License