Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Arlecchino solo.

 

ARL. Ho fatto la mia zornada, no vôi vadagnar altro. Vôi andar a véder se siora Lugrezia ha bisogno de gnente. I altri facchini i va la sera a far codega109. Mi mo no me degno. Son un omo civil, e ghe scommetteria la testa, che me mader per far un fiol nobil, l’ha tolt in prestido la nobiltà da qualcun.

 

 

 





p. -
109 Gergo, ch’esprime colui che prezzolato fa lume con la lanterna la notte per le strade di Venezia, particolarmente il Carnovale.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License