Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Siora Lugrezia in maschera, che vien fuori di casa, e detto.

 

LUG. Oe, qua ? Caro sior Arlecchin, ve desiderava quel che sta ben110.

ARL. Giustadesso vegniva a servirla, patrona cara. Ala bisogno che porta l’acqua, che tragga le legne? La comanda, son qua tutto per ela.

LUG. In casa no bisogna gnente. Voleva da vu un servizio fora de casa.

ARL. La servirò dove che la comanda. In casa, fora de casa, in camera, sui coppi, dove che la vol.

LUG. Sta sera me premerave andar a Redutto, e no gh’ho nissun che me compagna. Vorave che ve immascheressi, e che vegnissi con mi.

ARL. Volentiera, e la menerò anca al moscato111.

LUG. No, vecchio, al moscato mi no ghe vago; me basta che me compagnè a Redutto, e che stè con mi, fin che vien le mie mascare.

ARL. E po, co vien le so mascare?

LUG. Anderè via, dove che vorrè.

ARL. Starò anca mi in conversazion.

LUG. Oh, no le xe conversazion per vu, sior. Andarè a far i fatti vostri.

ARL. Ma co la se degna che la compagna, la se pol degnar che staga con ela.

LUG. Me fazzo compagnar da vu, perché no gh’ho altri.

ARL. Da resto... de mi no la se degna...

LUG. La saria bella, che un tocco de facchin se mettesse in ganzega112.

ARL. La perdona se la compatisso. A bon reverirla.

LUG. Dove andeu, sior?

ARL. Vago via, perché no son degno...

LUG. Animo, andeve a immascherar, e vegnì con mi.

ARL. No vorria che la fusse troppa confidenza...

LUG. Animo, digo, se no, no mettè più né piè, né passo in casa mia.

ARL. Siora Lugrezia, no la vaga in collera.

LUG. Più finezze che se fa a sto aseno, se fa pezo113.

ARL. Siora Lugrezia, no la me strapazza.

LUG. Ghe fazzo sto onor de vegnir con mi in mascara e sta carogna se fa pregar.

ARL. Siora Lugrezia, no la me diga carogna.

LUG. Animo, andeve a immascherar.

ARL. Dove, siora Lugrezia?

LUG. Andè da Menega, e immaschereve.

ARL. Come, siora Lugrezia?

LUG. Gh’ho lassà fora un codegugno, un tabarro, una bautta e un cappello.

ARL. Anca el volto, Lugrezia?

LUG. El volto costa quattordese soldi. Menega li ha spesi ela, degheli.

ARL. Siora sì, volentiera.

LUG. Via, destrigheve.

ARL. Siora Lugrezia, èla in collera?

LUG. Eh!

ARL. Èla in collera, siora Lugrezia?

LUG. No, no son più in collera, destrigheve.

ARL. M’aspettela qua, siora Lugrezia?

LUG. Me vegnirè a tor qua da siora Tonina. Vago un poco a trovarla, che xe un pezzo che no la vedo.

ARL. La sarà servida, siora Lugrezia.

LUG. Ma sentì; co vegni, battè e feme chiamar, ma disè miga chi , savè?

ARL. No? Per cossa, siora Lugrezia?

LUG. Perché no voggio che i sappia che me fazzo compagnar dal facchin.

ARL. No son miga un baron, siora Lugrezia.

LUG. Oh, m’avè pur seccà co sta siora Lugrezia.

ARL. Vôi mo dir...

LUG. O destrigheve, o andeve a far squartar.

ARL. Vago subito, siora Lugrezia.

LUG. Andè, sior mala grazia, andè, sior aseno.

ARL. (Questo l’è el solito pagamento de le mie fadighe). (da sé, va in casa di Lugrezia)

 

 

 





p. -
110 Assai.



111 Luogo in cui si vende il moscato ecc.



112 Pretensione, volontà.



113 Peggio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License