Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Lugrezia sola.

 

LUG. In verità che la xe da rider. Custù, più despetti che ghe fazzo, più che ghe digo roba, el me xe più drio, el me fa tutto, e nol me costa un bezzo. Anca questo xe un utiletto, che no xe cattivo. A bon conto me farò compagnar a Redutto, e lo farò star con mi, finché troverò qualchedun che cognosso. Za no sen miga sola, che fazza immascherar un facchin o un servitor. Ghe ne xe de quelle poche, che fa cussì. Col xe in mascara nissun lo cognosse, nol me suggizion, e lo posso licenziar co voggio. Oh, vôi andar un pochetto da siora Tonina! Xe giusto ora a proposito per starghe poco, perché, co la scomenza, la fette che no fenisse mai. La pratico cussì per cerimonia, da resto no la posso soffrir. (batte da Tonina)

VOCE DI DENTRO Chi è?

LUG. Amici boni. (aprono, e va in casa)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License