Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Camera in casa de siora Tonina.

 

Siora Tonina e siora Giulia, poi siora Chiaretta

 

TON. La me xe andada mo zoso per i calcagni114.

GIU. Le xe cosse che passa tutti i doveri.

CHIAR. Siora Tonina, sala chi xe?

TON. Chi, fia?

CHIAR. Siora Lugrezia in mascara.

TON. Eh via!

GIU. Oh magari115!

CHIAR. Siora sì, in verità. Tonia m’ha dito che ghe lo vegna a dir, e intanto la la trattien a chiaccole. (parte)

GIU. La lassa che la vegna. (a Tonina)

TON. Cara siora Giulia, in casa mia no vorave che fessimo pettegolezzi. Se vien mio mario, poveretta mi. Quei de suso116 i sente tutto. Cara siora, la prego la dissimula, la usa prudenza.

GIU. Ghala paura? La lassa parlar a mi.

TON. Me xela amiga, siora Giulia? Me vorla ben?

GIU. No vorla!

TON. La me fazza un servizio, cara ela, la vaga in quell’altra camera, per no aver occasion de criar.

GIU. Me vien voggia de chiapparla per el collo, e de darghene fin che me stufo. Oh, sarà meggio che vaga via.

TON. Siora sì, la vaga in quella camera, e la lassa far a mi, che presto la manderò via.

GIU. La la destriga presto, se no la vol che femo baruffa117! (si ritira)

TON. Per schivar tutti i pericoli, anderò mi in cusina, e sentirò cossa che la vol. (va per andare)

 

 

 





p. -
114 Caduta di concetto.



115 Dio volesse.



116 Gente che abitano l’appartmento superiore.



117 Battaglia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License