Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA VENTUNESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTUNESIMA

 

Siora Chiaretta e dette.

 

CHIAR. La toga, siora, i confetti che la gh’ha donà a la massera. La dise cussì, che la se li petta. (getta i confetti addosso di Lugrezia)

LUG. Tocco de frasconazza, cossa xe sti tiri134?

CHIAR. Se ghe li ha dai sior Baseggio, che la se li goda.

LUG. Cossa v’importa a vu, siora, che me li abbia dai Polo o Martin?

CHIAR. Cossa diavolo ghala, che tutti i omeni ghe corre drio?

LUG. Sentì che pettazza!

CHIAR. A mi pettazza!

GIU. Cussì strapazzè mia fiozza? (a Lugrezia)

TON. No portè respetto a una putta? (a Lugrezia)

LUG. E a mi perché no me portela respetto?

CHIAR. Sior Baseggio m’ha contà tutto.

LUG. Xelo el vostro moroso, siora?

CHIAR. Se el fusse el mio moroso, son una putta.

LUG. Per esser putta, ghavè molto la lengua longa, patrona; basta dir che campagnola.

CHIAR. Coss’è sta campagnola? Son cettadina.

LUG. Lustrissima. (con caricatura)

TON. Oh che calèra!

GIU. Oh che sbrega135!

LUG. Ah sporche, frascone, pettegole quante che ! Me tolè in mezzo? In tre vegnì contra de mi sola? Credeu de metterme in suggizion? Son una donna prudente, no voggio farme menar per lengua; del resto, ve daria tanti schiaffi, quanti che ghe ne podessi portar.

TON. Schiaffi?

GIU. A nu schiaffi?

CHIAR. Schiaffi? (tutte e tre vanno per dargli, e Lugrezia tira fuori uno stilo)

LUG. Stè in drio, che fazzo sangue. (le minaccia con lo stilo)

TON. (La gh’ha el stilo!) (a Giulia, ritirandosi)

GIU. (Oh che diavolo de donna!) (a Tonina, ritirandosi)

CHIAR. El stilo? Me la batto136. (parte)

LUG. Son una donna onorata.

GIU. Le donne onorate no le porta el stilo.

LUG. Se lo porto, no lo porto per far mal a nissun; ma no vôi che nissun me zappa137 sui piè. Contenteve che la ve passa cussì per adesso. Ma sangue de diana, se no ghaverè giudizio, ve farò véder chi son.

TON. Lassème star mio mario, e no ve minzono138 mai più.

GIU. No stè a tettar de mazo139 a sior Boldo, e no m’arecorderò gnanca che siè a sto mondo.

LUG. Mi dei vostri marii no so cossa . Matte, zelose inspiritae140! Ma saveu perché zelose? Perché se brutte. (parte)

TON. Oh siestu maledetta!

GIU. Se pol sentir pezo?

TON. Perché semo brutte!

GIU. Cossa diseu?

TON. Certo che ela la xe una bella zoggia.

GIU. Oh che ràcola141 che la xe!

TON. Aveu sentio co sboccaizza142?

GIU. Se vede che la xe relassada.

TON. Dove anderala adesso?

GIU. La xe capace de andar a trovar sior Todero o sior Boldo, e contarghe tutto.

TON. E nualtre, poverazze, torremo de mezzo.

GIU. Andemoghe drio?

TON. No la troveremo.

GIU. La lassa far a mi. A stora la va a Redutto.

TON. El Redutto xe grando.

GIU. La va sempre in crozzola dei vecchi143, la vederemo.

TON. Oh che donna! Oh che lengua! (parte)

GIU. Oh che soldadon! Oh che sbirra! (parte)

 

 

 





p. -
134 Sgarbi.



135 Sussurratrice.



136 Fuggo.



137 Premere, pigiare.



138 Nomino.



139 Stuzzicare, sedurre.



140 Indiavolate.



141 Specie di rane verde che sempre grida.



142 Che ha la lingua in libertà, e dice parole oscene.



143 Parte d’una sala ch’è fatta in croce, ove per lo più si pongono a giuocare i vecchi che vanno al Ridotto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License