Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Servo del Ridotto, e detti

 

SERV. Cossa xe, siora mascara? (ad Arlecchino) Ghe xe vegnuo mal? Vorla dell’acqua fresca?

ARL. Gnente, amigo, son cascà.

SERV. L’abbia la bontà de comodarse, e no far sussuro. A Redutto no se fa sti strepiti. (parte)

LUG. (Adessadesso custù me fa svergognar anca mi). (da sé)

ARL. Son qua, siora mascara... (a Lugrezia)

LUG. Andè , andè a spazzizar145.

ARL. Sangue de mi, gh’ho do ducatelli d’arzento, me vien voia de andarli a rischiar.

LUG. Via sì, andè, da bravo, e po tornè qua.

ARL. Vôi rischiar la mia fortuna. (va per andar via)

LUG. Oe, mascara. (Arlecchino seguita ad andare) Mascara. (Arlecchino come sopra) Mascara. Ih!

ARL. A mi?

LUG. Sì, vegnì qua. Seu sordo? (Arlecchino torna da Lugrezia)

ARL. La compatissa. Credeva che all’omo se ghe disesse mascaro.

LUG. Ghavè rason: alle mascare come vu, se ghe dise mascarotto. Sentì, zoghemoli a mità quei do ducati.

ARL. Volentiera. Me ne dala altri do?

LUG. Intanto zoghè quelli, e po vegnì qua.

ARL. Non occorr’altro. Prima i mii, e i sói gh’è tempo. (parte)

LUG. De le volte sti martufi146 i porta via de le cappellae147 de ducati.

 

 

 





p. -
145 Passeggiare.



146 Allocco.



147 Cappello pieno.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License