Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA VENTICINQUESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTICINQUESIMA

 

Sior Baseggio, con la solita maschera, va passeggiando e guardando i tavolini; e detti.

 

LUG. (Sior Baseggio). (da sé)

ORS. (Vede sior Baseggio, e gli fa cenno. Lui le va vicino e le siede appresso)

LUG. (Chi mai xela culìa? La me par quella che ho visto a passar ancuo). (da sé)

ORS. (Bravo, sior, bravo!) (sottovoce)

BAS. (Perché me diseu cussì, mascara? Cossa v’oggio fatto?)

ORS. (Eh, ho visto tutto!) (sottovoce)

BAS. (Mo cossa? Disemelo).

ORS. (Sì, sì, caretto, feve da la villa148).

BAS. (Se so gnente, che muora).

ORS. (Vela , vedè).

BAS. (Chi?)

ORS. (La vostra vedoa).

BAS. (La mia vedoa?)

ORS. (Sì ben, siora Lugrezia).

BAS. (Cossa m’importa a mi de siora Lugrezia?)

ORS. (Ghe cantè sotto i balconi, ghe dei confetti).

BAS. (Oh, ve dirò per cossa che l’ho fatto).

ORS. (Via mo, per cossa?)

BAS. (Chi xela quella mascara?)

ORS. (Mia mare).

BAS. (Patrona, siora mascara).

ORS. (Eh lassè, che la dorme).

BAS. (Co la dorme, podemo parlar con libertà). (s’avvicina e le parla)

 

 

 





p. -
148 Far sembiante di non intendere, infingersi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License