Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA VENTOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTOTTESIMA

 

Siora Giulia, siora Tonina in bautta, siora Chiaretta in maschera passeggiando,

e poi siedono; e detti.

 

LUG. (Oh per diana de dia, che le cognosso! Vele qua tutte tre, senza un strazzo de omo). (da sé)

CHIAR. (Quello xe sior Baseggio. Vardelo, vedè? Come che el la sticca153 pulito con quella mascaretta. Baron!) (da sé)

GIU. (La varda, la varda dove che la xe). (mostrando siora Lugrezia)

TON. (Sì ben, che la xe ela. Sola la xe?)

GIU. (Eh, la troverà compagnia).

CHIAR. (Siora santola...) (a Giulia)

GIU. (Zitto, no se dise cussì. Se dise siora mascara).

CHIAR. (Chi mai xe quella mascara che parla co sior Baseggio?)

GIU. (Dov’elo sior Baseggio?)

CHIAR. (Velo , vestio da strazzariol).

GIU. (Oh, sastu chi la xe?)

CHIAR. (Chi xela?)

GIU. (No ti la cognossi? Mia nezza Orsetta).

CHIAR. (E quell’altra?)

GIU. (So mare).

CHIAR. (Pulito! S’usa che le mare mena le fie a Redutto a parlar coi morosi?)

GIU. (Cossa voleu che ve diga? Mia cugnada xe vecchia matta, senza giudizio).

CHIAR. (Baseggio no lo torria più se el me indorasse). (da sé)

 

 

 





p. -
153 Sfoggia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License