Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA TRENTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TRENTESIMA

 

Sior Todero in bautta, e detti.

 

TOD. (Manco mal! Ho pur vadagnà una volta. Ho vadagnà tanto da poder recuperar la mia roba. Oe, el mio codegugno e la mia camisiola? (guardando Baseggio) Vorria mo ben saver chi xe sta mascara che gh’ha intorno la mia roba!) (da sé)

TON. (Oe, mio mario). (a siora Giulia)

GIU. (Da senno? no lo cognosseva miga).

TON. (Eh, mi lo cognosso a l’odor).

TOD. (Quella me par siora Lugrezia).

TON. (Aspettè, aspettè; retiremose che nol me veda. Andaremo qua ai baraini158). (si levano e vanno dentro una porta)

LUG. (Le xe andae via sole, co fa tre matte).

TOD. (Siora mascara, fàllio?) (a Lugrezia)

LUG. (Oe mascara?)

TOD. (La diga, cara ela. Quello xe el mio codegugno e la mia camisiola).

LUG. (Sì ben. No m’aveu licenza che lo impresta via?)

TOD. (Chi xela quella mascara?)

LUG. (No v’oi dito, un mio nevodo).

TOD. (Domattina vegnirò a tor la mia roba, sala?

LUG. (Ghaveu i bezzi?)

TOD. (Siora sì. Ho vadagnà un poco de felippi e domattina sarò da ela).

LUG. (Vardè che no i perdè, fio. Sarave meggio che me i consegnessi a mi).

TOD. (Eh, siora no, vegnirò domattina. Ma la varda ben che ghe sia tutto).

LUG. (No ve dubitè).

TOD. (Patrona, siora mascara).

LUG. (Mascara, schiavo).

TOD. (Mai più impegno abiti. Le fa cussì ste donne. Le vadagna sul pegno, e po le nolizza la roba. Gran drettone159!) (da sé, parte)

 

 

 





p. -
158 Camera dove non si giuoca ad altro che a sbaraglino.



159 Accorte, furbe di prima riga.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License