Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO SECONDO

SCENA TRENTATREESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TRENTATREESIMA

 

 

Siora GIULIA, siora TONINA, siora CHIARETTA che tornano; e detti.

 

GIU. (El xe elo, ve digo). (a Tonina, accennando sior Boldo)

TON. (Andemo via).

GIU. (Siora no. S’ala sodisfà ela? Me vôi sodisfar anca mi).

BOL. (Siora mascara). (a Lugrezia)

LUG. (Oe, mascara, dove xe la firma?)

BOL. (Vela qua. Son vegnù a posta a portarghela).

LUG. (Bravo! un omo de garbo).

BOL. (Adesso che la trova). (si cerca in saccoccia, tira fuori la firma, e gliela ) (La toga).

GIU. (Oe, cossa ghe dalo?) (a Tonina)

TON. (Bezzi?)

GIU. (Voggio véder).

TON. (L’aspetta che el vaga via, no femo sussuri a Redutto).

BOL. (El cielo ne la manda bona!) (a Lugrezia)

LUG. (El cuor me dise che avemo venzo).

GlU. (Me bruso161, no posso più).

TON. (Prudenza, siora Giulia).

BOL. (Oh, vago via! A Redutto co sto caldo no ghe posso star).

LUG. (Domattina saveremo la niova).

BOL. (Vago a véder a cavar, e se ghe xe gnente, corro da ela).

LUG. (Oh magari!)

BOL. (Mascara, addio). (parte)

LUG. (A revéderse, mascara). Sta firma, per no la perder, la metterò in sta scatola; za no ghe xe tabacco. (cava la scatola di sior Todero)

GIU. (Andemo). (s’avvia verso Lugrezia)

TON. (No vorria...)

GIU. (Oe, la scatola de mio mario). (a Tonina)

TON. (Adesso el ghe l’averà donada).

GIU. Sta scatola xe mia, siora mascara. (gliela leva)

LUG. Me maraveggio de vu, mascara. La gh’ho in pegno, e co i me darà i mi bezzi, ghe darò la scatola.

GIU. Mio mario ve l’ha impegnada?

LUG. Siora no; el mario de quell’altra mascara.

TON. una busiara; a mio mario no gh’ho mai visto sta scatola.

GIU. Questa xe la scatola de mio mario. La xe mia, e la mia roba la posso tor dove che la trovo. (parte)

LUG. una ladra.

TON. Stè zitta, se no ve fazzo svergognar a Redutto. (parte)

LUG. Anca de queste?

CHIAR. Oh che zente! oh che donne! Torno fora, e da siora santola no ghe vegno mai più. (parte)

LUG. Zocco, aseno, desmissieve. (dando pugni ad Arlecchino)

ARL. Chi è? Aiuto. (si sveglia, e le maschere si levano per il rumore)

LUG. Andemo . Sia maledetto co ghe son vegnua! Pezzo de aseno, i me strapazza e no disè gnente?

ARL. Dormiva.

LUG. un porco; andè via de qua. (le maschere ridono)

ARL. Siora Lugrezia...

LUG. El diavolo che ve porta! (parte)

ARL. Siora mascara Lugrezia... (gli va dietro e le maschere ridono forte, gridando tutte:) Siora mascara Lugrezia.






p. -
161 Abbrucio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License