Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Siora Chiaretta e detto.

 

CHIAR. Chiàmelo, sior santolo?

BOL. Dove xela Orsola? Che la me porta el tabarro e el cappello.

CHIAR. Cossa ghalo, sior santolo? Xelo in collera?

BOL. Cara siora, anca vu no me tettè de mazo167.

CHIAR. (Oh, torno fuora). (da sé)

BOL. Orsola.

CHIAR. Adesso, sior, anderò mi. (Che diavolo de zente!) (da sé; parte poi torna)

BOL. Ah, quell’otto, quell’otto! Siora Lugrezia ha fatto quel bel insonio! Co la gh’ha voltà la schena a so mario! Se el vien, me picco168.

CHIAR. Ha dito siora santola, se el vol che la ghe lo porta ela el tabarro.

BOL. Diseghe a siora santola, che no voggio sentir altre soniche169, che me son inrabià che basta.

CHIAR. Sior sì, ghe lo dirò. (parte, poi torna)

BOL. E el 58 no la l’ha volesto. Saria bella che el vegnisse. Cospetto del diavolo! Se el vien, poveretta ela.

CHIAR. La dise cussì che no la parlerà, no la dirà gnente.

BOL. Figureve! No la tase gnanca chi la soffega170.

CHIAR. Caro sior santolo, el lassa che la vegna.

BOL. Cara fiozza, se ghe darò po, ve despiaserà.

CHIAR. De diana! sempre el ghe vol dar? Mo che cuor ghalo!

BOL. La me tira a cimento; no la tase mai.

CHIAR. Se el vedesse come che la pianze! La me cava el cuor.

BOL. A so danno.

CHIAR. Mo el gh’ha ben poca carità.

BOL. Eh fiozza! Son bon anca troppo. Ma co le muggier gh’ha la lengua longa, bisogna deventar cattivi per forza.

CHIAR. Poveretta! La zelosia la fa parlar.

BOL. Eh, che la se vaga a far squartar co la so zelosia! Gh’ho altro in testa mi, che ste frascarie. Ghe xe caso che possa aver el mio tabarro?

CHIAR. El lassa che siora santola ghe lo porta.

BOL. Oh che pazienza!

CHIAR. Vorlo?

BOL. E po crieremo; e po la petufferò da recao171.

CHIAR. El vederà, che no la ghe dirà gnente.

BOL. Sia maledetto!

CHIAR. Via, caro sior santolo!

BOL. Che la vegna, che la se destriga172, no gh’ho tempo da perder; bisogna che vaga a far i fatti mii.

CHIAR. Sior sì, la vien subito. ! la me fa peccà173. (parte)

BOL. Oh, se le cosse se fasse do volte! Se resto veduo, no me marido mai più.

 

 

 





p. -
167 Non mi stuccicate, non mi tormentate.



168 Appicco.



169 Musiche, noie.



170 Soffoca.



171 Da capo, un’altra volta.



172 Disbriga.



173 Compassion, pietà.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License