Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Siora Giulia col tabarro e cappello di suo marito. Gli il tabarro senza parlare,

e le vien da piangere.

 

BOL. Coss’è? Cossa ghaveu?

GIU. Gnente, fio.

BOL. Voleu gnente fora de casa?

GIU. Vegnìu a disnar?

BOL. Sì ben. Manderò la spesa.

GIU. Vegnireu tardi, co fa gieri?

BOL. No, fia, vegnirò più a bonora.

GIU. (Piange)

BOL. Cossa ghaveu mo adesso, che pianzè?

GIU. Co me disè una bona parola, se me slarga174 el cuor. (piange)

BOL. Credeu che no ve voggia ben?

GIU. Una volta sì, ma adesso no, vedè.

BOL. Adesso no? Per cossa?

GIU. Via, no parlemo altro.

BOL. Mo diseme, per cossa?

GIU. No posso dir gnente; se averzo la bocca, me petuffè.

BOL. Mo se matta, mo se no xe vero gnente, mo se mi no ghe penso de donne.

GIU. Me lasseu dir una parola?

BOL. Parlè.

GIU. Giersera a Redutto cossa ghaveu a siora Lugrezia?

BOL. Giersera? Mo cossa saveu vu de giersera? Cossa saveu de Redutto?

GIU. Via, me crieu, perché son stada un pochetto a Redutto?

BOL. Chi v’ha licenzia che ghandè?

GIU. Son andada un pochetto co siora Tonina, per mia fiozza, del resto savè che mi no me moverave da qua a .

BOL. Sta notte no me l’avè dito, che stada a Redutto.

GIU. Ve lo voleva dir, ma m’avè fatto taser a forza de botte175. Povera donna mi! Gh’ho tutta la vita pesta, gh’ho i negri176 cussì fatti. Pazienza! Creperò, sarè contento.

BOL. E cussì, cossa me diseu de Redutto?

GIU. Domandava cossa che ghavè a siora Lugrezia.

BOL. Una carta gh’ho .

GIU. Vedeu, e po dirè che son cattiva, che son matta, che son una senza giudizio. Per cossa me vegnìu co ste falsità?

BOL. Che falsità? Cossa diressi che gh’avesse ?

GIU. Eh caro sior Boldo! Mi l’ho trovada col furto in man.

BOL. Che furto? Cossala robà?

GIU. Cognosseu sta scatola?

BOL. La xe la scatola che ho vendù gieri.

GIU. Sì ben! Vendua! Ghe l’avè dada giersera a quella sassina.

BOL. Eh, gh’ho i totani. Ve digo che l’ho vendua gieri mattina, e ve dirò anca a chi.

GIU. Via mo, a chi?

BOL. A sior Todero marzer.

GIU. Al mario de siora Tonina?

BOL. Sì ben, a elo.

GIU. Mo se giersera la gh’aveva in man culìa a Redutto, e mi da rabbia ghe l’ho tolta, e ghe l’ho portada via.

BOL. Avè fatto una bella cossa! Andè , che una donna de garbo. Cossa dirala quella femena dei fatti vostri?

GIU. Come l’ala abua sta scatola?

BOL. Cossa voleu che sappia mi?

GIU. Che sior Todero ghe l’abbia donada elo?

BOL. Mi no cerco i fatti dei altri.

GIU. Certo, vedè, ghe l’averà donada sior Todero.

BOL. Oh vago via, che xe tardi.

GIU. Ma che carta ghaveu dada?

BOL. Oh poveretto mi! Una firma de lotto. A revéderse.

GIU. Ma cossa ghintreu con ela?

BOL. La m’ha pregà che ghe metta una firma. Sioria.

GIU. Sentì, vegnì qua. Donca la pratichè?

BOL. Donca el diavolo che ve porta. Vago via, per no farve star in letto una settimana. (parte)

 

 

 





p. -
174 Allarga.



175 Battiture.



176 Ammaccature.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License