Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Siora Giulia sola.

 

GIU. Mo za, no bisogna toccarghe sto tasto177. El va subito sui zimbani178. Co ghe vien quei susi179, vardela, vardela. Maledetta! Ho abuo più botte per culìa, che non ho magnà bocconi de pan! E mio mario ghe xe incocalio180. Mo almanco fusselo solo, in tanta malorzega181, ma ghe va flusso e reflusso. Tolè, sior Todero gh’ha donà la scatola, e so muggier, poverazza, no la gh’ha debotto carpetta al cesto182. No la gh’ha altro che quel strazzetto de cotus coi aramali183.

 

 

 





p. -
177 Tasto, metafora presa dal clavicembalo.



178 In collera, metafor.



179 Empito.



180 Infatuato.



181 In tanto malora, correttivo.



182 Detto per modestia.



183 Passamano, fornitura di seta, oro o argento.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License