Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Siora Tonina in zendà, e detta.

 

TON. Chi è qua? Se pol vegnir?

GIU. Oh siora Tonina, patrona. A bonora fora de casa.

TON. Oimei! La lassa che me senta; no posso più. (siede)

GIU. Coss’è, siora Tonina? Cossa ghala?

TON. Son desperada, siora Giulia; la me creda, che son dove che posso esser.

GIU. Mo via, cossa ghe xe successo?

TON. Mio mario sta notte no xe vegnù a casa.

GIU. Eh via!

TON. No ghè digo gnente che notte che ho fatto.

GIU. Poverazza! Dove xelo stà?

TON. No so gnente. Ho mandà el garzon a cercarlo per tutta Venezia, e nol se catta.

GIU. Sala dove che el sarà?

TON. Dove, siora?

GIU. Da quella smafara184.

TON. Da la vedoa?

GIU. Quanto che semo qua, che el xe stà da culìa.

TON. Mo se la fusse vera, da quella che son, che vorave andar dove che se va185.

GIU. Sarìa cosse da sculazzarla186 in prubrico187.

TON. Ma sior Todero no el xe de sti donnini. No l’ha mai tendesto a donne. Me par impussibile. Ho paura piuttosto che el sia stà a ziogar.

GIU. Sì ben. Tutta la notte el sarà stà a ziogar! Sala come che i fa sti omeni che gh’ha el ziogo? Co i perde, i va a casa de so muggier, e co i venze, i va a devertirse.

TON. Me par ancora impussibile.

GIU. Poverazza! la xe bona ela, e la crede che tutti sia boni; mi mo no son cussì dolce de cuor.

TON. Ah! pazenzia.

GIU. L’aspetta, ghe voggio far un regalo.

TON. Cara siora Giulia, no la se incomoda.

GIU. Oh, ghe voggio donar una cossa che ghe piaserà.

TON. In verità, che no gh’ho voggia de gnente.

GIU. La tioga. (le la scatola)

TON. Cossa me dala?

GIU. Ghe dago sta scatola. No la ghe piase?

TON. Oh, la se figura se voggio che la me dona sta scatola.

GIU. La la tioga, e no la pensa altro.

TON. No in verità, siora Giulia.

GIU. La la toga, che ghe dirò po perché.

TON. Mo se ghe digo...

GIU. La me fazza sto servizio, la la tioga.

TON. E po co l’ho tolta? (la prende)

GIU. Védela quella scatola? Quella xe roba soa.

TON. Ma come mia?

GIU. Gieri mattina sior Todero l’ha comprada da mio mario.

TON. Mo no la xe quella ch’aveva la vedova al Redutto?

GIU. Siora sì. La indovina mo? Credeva che ghe l’avesse donada mio mario, e ghe l’ha donada sior Todero.

TON. Mio mario gh’ha donà sta scatola? (s’alza)

GIU. Siora sì. Pala larga188.

TON. Chi ghe l’ha dito, siora Giulia?

GIU. Me l’ha dito sior Boldo.

TON. Ah sassin! A mi el me brontola189 do soldi de aghi, e a culìa le scatole d’arzento?

GIU. Manco mal che giersera m’ho intivà190 a véderla. Se no giera mi, la giera ita191.

TON. Chi sa quanta roba che la gh’ha magnà.

GIU. La senta, no digo per metter mal, ma gieri, co l’è andà da culìa, el gh’aveva un bon fagotto sotto el tabarro.

TON. Oh poveretta mi! Siora Giulia, cara ela, no la me sbandona192.

GIU. Son qua, siora Tonina, con tutto el cuor, fia. Sì in verità, dove che posso, la favorirò193.

TON. La se vesta e la vegna co mi.

GIU. Dove, viscere?

TON. Da mio compare.

GIU. A cossa far?

TON. A dirghe tutte le belle procedure de mio mario. A contarghe tutto de culìa. Ela che gh’ha più spirito de mi, la ghe conterà più pulito. Cara siora Giulia.

GIU. Siora sì, andemo. Cussì me desgosserò194 un pochetto anca mi.

TON. E disemoghe tutto pulito.

GIU. La lassa far a mi, siora, la sentirà. No ghe lasserò fora un ette.

TON. Cara siora Giulia, za che vedo che la me vol ben, la me fazza un servizio. Sta scatola mi no so cossa farghene. La me la fazza vender dai so zoveni de bottega, cara ela.

GIU. Volentiera, siora Tonina, la daga qua, che adesso co anderò da basso, ghe la darò al putto grando.

TON. La ghe la raccomanda, sala... Che sior Boldo no la vedesse.

GIU. Eh via! la lassa far a mi. Andemo da sto so compare.

TON. No la gh’abbia suggizion, sala, de mio compare.

GIU. Oh siora no, no la s’indubita; co se tratta da ste cosse, anderave in mezzo un’armada. (partono)

 

 

 





p. -
184 Voce di niun significato, che si adopera ad arbitrio, e si adopera per lo più per disprezzo; qui valerebbe poco di buono.



185 Ricorrere alla giustizia.



186 Sculacciarla.



187 Detto per difetto di lingua, per pubblico.



188 Generoso.



189 Ricusa, fa mal volentieri.



190 Abbattuto.



191 Andata, perduta.



192 Abbandona.



193 Errore popolaresco, in luogo di servirò.



194 Sgozzare, votare il gozzo, metafora.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License