Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Camera in casa de siora Lugrezia.

 

Siora Lugrezia e Arlecchino

 

LUG. Andè via de qua, sior pezzo de aseno. No me stè più a vegnir per i piè.

ARL. Mo cossa mai ghoggio fatto?

LUG. Sieu maledetto! Andarme a dir siora Lugrezia!

ARL. Mo gh’è tanto mal a dir siora Lugrezia?

LUG. No avè sentio tutte le mascare, che m’ha la baldona195?

ARL. Bisogna che sto nome de Lugrezia voia dir qualcossa de brutto. Che i l’abbia tolta per Lugrezia Romana?

LUG. Varè che bei sempiezzi196! Me vien voia de buttarte zo197 da la scala.

ARL. Grazie. Questo l’è el regalo che la me fa per averla servida. Pazienza, siora Lugrezia.

LUG. Martuffo198.

ARL. Vago via, siora Lugrezia.

LUG. Animo, andeme a trar do secchi d’acqua.

ARL. Mo se no la vol...

LUG. Via, sier mandria199.

ARL. Èla in collera, siora Lugrezia?

LUG. Manco chiaccole; andè a tor sti do secchi d’acqua.

ARL. Siora Lugrezia...

LUG. Siora favetta200, che ve sia in tel muso.

ARL. Tutto quel che la comanda. La me strapazza, la me daga: pazenzia! Basta che no la me cazza via. Cara siora Lugrezia! (parte)

 

 

 





p. -
195 Burla.



196 Sentimenti da balordo, scimunito.



197 Giù.



198 Babuasso.



199 Bestia.



200 Detto per modestia, per non dir me…



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License