Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Sior Todero e siora Lugrezia

 

TOD. Siora Lugrezia, patrona, patronazza. (allegro)

LUG. Oe, molto aliegro. Com’èla?

TOD. La senta mo. (fa sonare la borsa)

LUG. Caspita. Bezzassi205.

TOD. Dusento zecchini.

LUG. Vadagnai?

TOD. Vadagnai.

LUG. A Redutto?

TOD. Tutta stanotte a Redutto.

LUG. Vardè se i mi bezzi xe fortunai; coi diese ducati che v’ho , avè fatto sto boccon de vadagno.

TOD. Xe vero, siora Lugrezia; se no la giera ela, no me refava.

LUG. In veritae che gh’ho a caro. Lo sala siora Tonina?

TOD. No la sa gnente. Stanotte no son andà a casa. Son andà stamattina all’alba a tor la mia perrucca dal perrucchier, e me son indormenzà su una carega206. Co m’ho dismissià, son andà a casa, e mia muggier no l’ho trovada. Poverazza! Chi sa che no la me cerca?

LUG. Co la saverà che avè venzo, la se consolerà. Za le muggier le fa cussì; co i marii perde, le dise: baron, furbazzo, ti vol ziogar! co i venze: eh poverazzo, el se devertisse!

TOD. Oh, son qua a scuoder la mia roba!

LUG. Ghavè una gran pressa.

TOD. La toga: in sta carta ghe xe cinquanta ducati. Quaranta del primo pegno, e diese del secondo, che fa cinquanta.

LUG. I quaranta va ben; ma dei diese ducati, no me gnente? O che caìa207! El vadagna dusento zecchini, e nol me gnente! Andè in malorzega.

TOD. Via, via, no la vaga in collera. La toga un zecchin; se contentela?

LUG. Grasso quel dindio208!

TOD. Mo li vorla tutti?

LUG. Via, via, che burlo. Ve ringrazio. M’avè anca troppo.

TOD. Dove xe la mia roba?

LUG. Tolè, questo xe el codegugno e la camisiola.

TOD. Gh’ai fatto macchie?

LUG. Stè sora de mi, che no gh’è gnanca una macula.

TOD. La scatola; che la voggio portar a mia muggier.

LUG. Voleu la pezza del zendà?

TOD. Quella la vegnirò a tior ancuo. La me daga la scatola.

LUG. Adesso; la xe drento. Dove mai xe la chiave? Mo dove mai la oggio messa? (mostra di cercar la chiave)

TOD. Oh, questa mo la me despiase!

LUG. Mi no le .

TOD. Mo la le cerca.

LUG. Se no le avesse el facchin.

TOD. Al facchin la ghe le chiave?

LUG. Oh, el xe un omo fidà. No gh’è pericolo.

TOD. E cussì?

LUG. E cussì no la trovo.

TOD. Se pol averzer anca senza chiave.

LUG. Certo che voggio rovinar l’armer; per sti bei guadagni.

TOD. Pagherò mi; averzimolo.

LUG. Mo via, tornè ancuo, che la ghaverè.

TOD. Siora no, più tosto aspetterò che vegna el facchin.

LUG. (Oh che seccaggine!) (da sé)

 

 

 





p. -
205 Denari assai.



206 Sedia.



207 Spilorcio.



208 Maniera che esprime scarsezza in chi riceve da uno che pretende di dar molto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License