Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Arlecchino con tre o quattro sporte, e dette.

 

ARL. (Via allegramente, che la vaga! Magneremo, beveremo; e viva el lotto). (da sé)

TON. (La varda. El facchin de siora Lugrezia). (a Giulia)

ARL. (La m’ha dito che me regola in tel spender, che se avanza de sti do zecchini, la vol l’avanzo per ela; bisognerà che m’inzegna). (da sé)

GIU. (Quattro sportelle, no la se sticca manco). (a Tonina)

TON. (Colù credo che el sia un gran baron). (a Giulia)

GIU. (La s’immagina! Tal carne, tal cortello).

ARL. Patrone reverite.

TON. Bondì sioria.

ARL. Cossa fale qua?

GIU. Cossa voleu saver, sior?

ARL. No le sa gnente? (a Tonina)

TON. De cossa?

ARL. Gnanca ela no sa gnente? (a Giulia)

GIU. Mo de cossa?

ARL. Allegrie, disnari, cossazze.

GIU. Dove?

ARL. In casa de siora Lugrezia.

GIU. Mo za.

TON. Cosse solite.

ARL. Sale chi gh’è in casa?

GIU. Chi?

ARL. I so do maridi.

GIU. Sior Boldo?

TON. Sior Todero?

ARL. Le se ferma, le senta. No le sa gnente?

GIU. Mo de cossa?

ARL. Sior Todero, per causa de siora Lugrezia, l’ha vadagnà a Redutto dusento zecchini.

TON. Mio mario ha vadagnà dusento zecchini?

ARL. Siora sì.

TON. Oh siestu benedetto! dove xelo?

GIU. (Ma! Tutti i muli xe fortunai). (da sé)

TON. Ala sentìo, siora Giulia?

GIU. Me ne rallegro.

ARL. E no la sa de sior Boldo? (a Giulia)

GIU. Via mo.

ARL. Per causa de siora Lugrezia, l’ha vadagnà un terno de mille e ottocento ducati.

GIU. Eh via!

ARL. L’è cussì da galantomo.

GIU. Oh co fortunà! Oh co bravo! Ala sentìo, siora Tonina?

TON. Me ne consolo. (Ma! Ghe xe differenza da dusento zecchini a mille e ottocento ducati). (da sé, mortificata)

CHIAR. Oh che caro sior santolo! Oh che gusto che gh’ho anca mi.

ARL. Patrone reverite, vago a spender. I vol far un poco de allegria; se le vol restar servide, le xe parone. (parte)

GIU. Vardè, vedè, se xe la verità che mio mario, poverazzo, l’andava per i numeri del lotto.

TON. Anca sior Todero, gramazzo, l’andava per i bezzi. No bisogna farse maraveggia, i xe casi che succede.

GIU. Oh, a mi ste cosse no le me fa specie.

TON. Vorla che andemo a casa?

GIU. No sentela, che i nostri paroni i xe da siora Lugrezia?

TON. Andar no me par che sia ben.

GIU. E sì ghanderia volentiera.

TON. No vedo l’ora de véder quei dusento zecchini.

GIU. La se fegura mo mi, che i xe tanti de più.

TON. In verità, che ghe n’avevimo bisogno.

GIU. E nu? No ghe digo gnente. In scrigno no ghe ne giera più.

CHIAR. Sior santolo me donarà qualcossa.

GIU. Sì, fia, lassa far a mi, che vôi che el te paga un per de naveselle212.

CHIAR. Oh magari!

TON. Cossa femio?

GIU. No so gnanca mi.

TON. Femo cussì...

GIU. Siora no, femo cussì. Passemo sotto i balconi de siora Lugrezia; se i nostri omeni ne vede, pol esser che i ne diga qualcossa.

TON. E se i va in collera?

GIU. Eh, che co i xe aliegri, no i varda tanto per suttilo. Andemo.

TON. Andemo pur.

CHIAR. Magari che i ne invidasse a disnar. (parte)

TON. Oe, se i me invida, mi no ghe digo de no. (parte)

GIU. Mi son una donna, che digo, digo, e po la me passa. (parte)

 

 

 





p. -
212 Orecchini d’oro che le femmine ordinarie portano, detti così per esser fatti in forma di navicella.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License