Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Camera in casa de siora Lugrezia.

 

Siora Lugrezia, sior Boldo, sior Todero. Un Giovine con moscato e buzzolai sul tavolino.

 

LUG. Evviva sior Todero; almanco el se fa onor.

BOL. Co scuoderò la firma, anca mi farò la mia parte.

LUG. Anca mi, anca mi. Voggio farve sentir una rosada, che ve liccarè i déi. Sior Boldo metterà i vovi, sior Todero el zucchero, e mi el latte.

TOD. Mi no vardo ste cosse; co ghe son, ghe stago.

LUG. Quanto ghaveu al facchin?

TOD. Do zecchini.

LUG. Magneremo pochetto, ma n’importa.

TOD. Se bisogna altro, son qua.

BOL. E po, co scuoderemo la firma, faremo anca nu, n’è vero, siora Lugrezia?

LUG. Sior sì. (Ma dei mii no, vedè). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License