Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Siora Lugrezia con siora Orsetta, e detti.

 

LUG. Via, via, vegnì qua, no ve vergognè. (menando per mano Orsetta)

BOL. Olà! cossa feu qua, siora? Chi ve gh’ha menà? (a Orsetta)

LUG. Mi son stada a levarla a casa de so mare, no occorre che ghe criè, sior Boldo; ghe son de mezzo mi... Questo xe el so novizzo, e la xe fenia.

BOL. Co el la sposa, no digo altro; ma se mai... Che soggio mi... M’intendeu, siora Lugrezia?

LUG. Oh, quel che se fa in casa mia, va co tutti i so registri213! Sior Baseggio, se la volè, la xe qua; o deghe la man, o la torna da so mare.

BAS. Orsetta, son qua, vita mia; se me volè, son vostro.

ORS. Me vergogno de sior barba.

LUG. Via, destrigheve; o dentro, o fuora. Deghe l’anello.

BAS. Lo voleu?

ORS. Dèmelo.

BAS. Sior barba... (mettendole l’anello)

BOL. Via bravi! novizzi. La xe fatta, e fatta sia.

LUG. E mi l’ho fatta far. E chi l’ha fatta, e chi l’ha fatta fare, de mal de corpo no potrà crepare.

TUTTI E viva siora Lugrezia, e viva!

 

 

 





p. -
213 Con buon ordine.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License