Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO TERZO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Siora Giulia, siora Tonina, Chiaretta e detti.

 

GIU. Se pol vegnir? Ghe xe schioppi? Ghe xe bastoni? (ironicamente)

TON. Semio in contumazia?

LUG. Le vegna, patrone, che le vien in casa da una donna da ben, e onorata.

TOD. Vela qua; per causa soa ho vadagnà dusento zecchini. (a Tonina)

TON. Caro el mio mario, dove xeli?

TOD. (Glieli mostra)

BOL. Varè, vedè. Ela la m’ha fatto vadagnar mille e ottocento ducati. (a Giulia)

GIU. Se li goderemo, fio mio. I aveu scossi?

LUG. Vedeu, siore, per cossa che i vostri marii vegniva in casa mia?

CHIAR. E sior Baseggio per cossa ghe vienlo?

LUG. Domandeghelo a siora Orsetta.

ORS. Varè, vedè, siora, el ghe vien per questo. (gli mostra l’anello)

CHIAR. Oe, l’anello? La gh’ha l’anello! Siora santola, sior Baseggio gh’ha l’anello.

GIU. Come xelo sto negozio?

BOL. Gnente, siora. Questo xe un matrimonio che ha fatto siora Lugrezia, e mi gh’ho acconsentìo.

GIU. Ghe deu dota?

BOL. Gnanca un bezzo.

GIU. Brava, siora Lugrezia! Avè fatto ben.

CHIAR. (Pazenzia! Me mariderò de fora). (da sé)

BAS. Siora Chiaretta, compatime...

CHIAR. Eh, andè via, andè via, sior cortesan d’albeo216. Orsetta, ti me la saverà contar st’altr’anno.

ORS. De cossa?

CHIAR. Oh, se ti magnerà el pan pentio!

ORS. Invidia, invidia.

LUG. E cussì, siore, sarale più zelose dei fatti mii?

TON. Cara siora Lugrezia, compatime. Co se vol ben da senno a so mario, se gh’ha sempre paura che la bissabova217 lo porta via.

GIU. Co se xe de bon cuor, no se pol far de manco218 de no bazzilar219.

LUG. Ma no se leva la reputazion a la zente.

TON. Via, cossa avemio dito?

LUG. De tutto un poco m’avè dito. Sior Todero, ve darò el zendà, e ve ringrazio de quel che m’avè donà per bonaman de averve fatto vadagnar. Da qua avanti se vegnissi in bisogno de bezzi, sappiè che pegni no ghe ne fazzo più. I ho fatti per bisogno, perché giera una povera vedoa, e me pentisso d’averli fatti, perché le xe cosse che no se pol far. El cielo m’ha provisto de mille e ottocento ducati. Con questi farò qualche negozietto, e procurerò de sticcarla220 onoratamente. (a Todero)

GIU. Perché no se maridela?

LUG. Oh, maridarme po no! Godo la mia libertà, e me par d’esser una regina.

GIU. (Oh adesso, co sti mille e ottocento ducati, che bella cossa se fusse vedoa anca mi!) (da sé)

LUG. Sior Todero, vardè ben, che se tornerè a ziogar, perderè i dusento zecchini, e anca el capital de bottega. E vu, sior Boldo, no fe che sta vincita ve ingolosissa, perché ghe ne xe dei altri che i ha venzo dei terni grossi, e po i ha tornà a zogar tutto.

GIU. In verità, siora Lugrezia, che parlè ben.

TON. In verità che una donna de garbo.

LUG. Parlio ben? Songio una donna de garbo? Sareu più zelose de mi? No, n’è vero, fie? No parlemo altro. Quel che xe stà, xe stà. Una volta v’averave fatto desperar quante che ; ma adesso i anni passa, son vedoa, e no gh’ho più el morbin221 che gh’aveva una volta. Penso a far bezzi, penso a mantegnirme onoratamente, perché saveu, fie? dise el proverbio:

Passando i anni, passa la bellezza,

Ma de tutto ghe xe, co ghe xe bezzi.

Una povera donna se desprezza;

Ma quando la ghe n’ha, se ghe fa i vezzi.

Che i sia per interesse, o per amor,

Se accetta tutto, e se consola el cuor.

 

Fine della Commedia.

 

 





p. -
216 Cortigiano poco valente.



217 Turbine di vento.



218 Di meno.



219 Dubitar, sospettar.



220 Passarmela.



221 Volontà di ridere, scherzare, star sulle burle.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License