Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO PRIMO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Zanetto, poi Beatrice col Servo

 

ZAN. Cancaro! Aveva fatto una bella cossa, se no capitava sto galantomo. Matrimonio.. peso qua, peso , peso alla borsa, peso alla testa... Donne... sirene, strighe, diavoli. Ih, che imbroggio maledetto.

BEAT. Oh me felice! Ecco il mio bene, ecco il mio sposo. Quando siete arrivato? (a Zanetto, credendolo Tonino)

ZAN. Via, alla larga.

BEAT. Come! Non son io la vostra sposa? Non siete voi qui venuto per stabilire i nostri sponsali?

ZAN. Siben: la caena, come i galiotti. Brava, za so tutto.

BEAT. Che catena? Che dite di catena? Non vi ricordate delle vostre promesse?

ZAN. Promesse? De cossa?

BEAT. Del matrimonio.

ZAN. Seguro, el matrimonio. Peso alla borsa e peso alla testa.

BEAT. Eh via, guardatemi: non vi burlate di me, che mi fate morire.

ZAN. (Propriamente se ghe vede el fuogo in quei occhi). (da sé)

BEAT. Dubitate forse di me? Uditemi, che vi renderò soddisfatto.

ZAN. Serrè quella bocca, quella scatola de velen, che no vorave che me arrivessi a tossegar42 el cuor.

BEAT. Oimè! Che parlare è il vostro? Voi mi fate arrossire senza colpa.

ZAN. Vela , che la vien rossa. Lo so che una striga.

BEAT. Son disperata. Ascoltatemi per pietà. (s’accosta a Zanetto)

ZAN. Via furia, che vien per lacerarme. (fuggendo da lei)

BEAT. Ma cieli! Che mai vi ho fatto? (s’accosta di nuovo)

ZAN. Via diavolo, che me voria strassinar all’inferno. (parte)

 

 

 





p. -
42 Tossegar, avvelenare.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License