Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Strada solita con osteria.

 

ARLECCHINO dall’osteria, poi ZANETTO dalla medesima.

 

ARL. Me maraveio, son galantomo: le zogie e i bezzi ve li ho dadi mi. (alla porta, altercando con Zanetto)

ZAN. No xe vero gnente. Ti xe un furbazzo, no gh’ho abuo gnente. (di dentro)

ARL. Ve ne mentì per la gola e per el gargato70.

ZAN. Ti è un ladro, ti è un sassin. Voggio le mie zogie. (vien fuori)

ARL. Le zogie ve digo che l’avì avude.

ZAN. Can, traditor, le mie zogie, i mi bezzi, la mia roba.

ARL. un pezzo de matto.

ZAN. Ti m’ha robà, ti m’ha sassinà.

ARL. Adessadesso ve trago una sassada.

 

 

 





p. -
70 Gargato, gozzo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License