Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO SECONDO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Zanetto, poi Beatrice

 

ZAN. Mi no so gnente cossa che el diga, mi no l’intendo, ma gh’ho speranza de recuperar le mie zogie. Le zogie che m’ha lassà mio sior barba, che el m’ha contà tante volte che el le ha portae da Venezia, co l’è andà a star alle vallade de Bergamo.

BEAT. Mio caro, abbiate pietà di me.

ZAN. (Occhi de fogo, bocca de velen). (da sé)

BEAT. Per carità, non partite. Ascoltatemi un sol momento; vi domando quest’unico dono: eccomi ai vostri piedi; vi muovano a compassione le mie lacrime. (s’inginocchia)

ZAN. (Accosta una mano agli occhi di Beatrice) (I occhi mi no sento che i scotta. Fogo no ghe ne xe certo). (da sé)

BEAT. Se m’udirete, rimarrete contento.

ZAN. (Quella bocchina l’è tanto bella, che me lasseria velenar). (da sé)

BEAT. Per vostra cagione ho posto a risico la vita e l’onore.

ZAN. Per mi?

BEAT. Sì, per voi, che amo più dell’anima mia; per voi, che siete l’unico oggetto de’ miei pensieri.

ZAN. La me vol ben?

BEAT. Sì, v’amo, v’adoro, siete l’anima mia.

ZAN. (Sel fusse un diavolo?... Ma l’è un diavolo tanto bello!) (da sé)

BEAT. Orsù, l’amor mio non soffre maggior indugio. Venite, e datemi la mano di sposo.

ZAN. (Oh questa me piase, senza tante cerimonie e tante solennità). (da sé)

BEAT. Via, non mi fate penare.

ZAN. Siora sì, son qua. Cossa vorla che fazza?

BEAT. Datemi la mano.

ZAN. Anca tutte do, se la vol. (le tocca la mano) Oh cara! oh che man, oh che bombaso71! oh che sea72!

 

 

 





p. -
71 Bombaso, bambagia, cotone.



72 Sea, seta. Termini allusivi alla morbidezza delle mani.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License