Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Lelio e detti.

 

FLOR. Se Tonino v’abbandona, ecco Florindo pronto a’ vostri voleri.

LEL. Se Tonino v’abbandona, ecco un eroe vendicatore de’ vostri torti.

FLOR. In me troverete un amante fedele.

LEL. Io colmerò il vostro seno delle maggiori felicità.

FLOR. La mia nascita è nobile.

LEL. Io chiudo nelle vene un sangue illustre.

FLOR. Di beni di fortuna non sono scarso.

LEL. Ne’ miei erari vi sono le miniere dell’oro.

FLOR. Spero non essere odioso agli occhi vostri.

LEL. Mirate in me il più bel lavoro della natura.

FLOR. Ah, signora Beatrice, non badate alle caricature di un affettato glorioso.

LEL. Non vi lasciate sedurre da un cicisbeo, che combatte fra l’amore e la fame.

FLOR. Sarò vostro, se mi volete.

LEL. Sarete mia, se v’aggrada.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License