Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Pancrazio, Bargello e birri in disparte.

 

PANC. (Veramente son belle queste gioje: ma la legatura è antica, e i diamanti sono tanto sporchi che non compariscono. Con questa polvere risalteranno assai più). (da sé)

BARG. (Quel bauletto di gioje è appunto quello che ha indicato Arlecchino). (osservando in disparte)

PANC. (Spererei con questo bel regalo di guadagnarmi la grazia della mia cara Rosaura). (da sé)

BARG. Alto, signore, con sua licenza.

PANC. Che c’è? Cosa volete?

BARG. Favorisca quelle gioje.

PANC. Per qual ragione?

BARG. Perché sono rubate.

PANC. Come? Io sono un galantuomo.

BARG. Da chi le ha avute vossignoria?

PANC. Dal signor Zanetto Bisognosi.

BARG. Il signor Zanetto Bisognosi dice che gli sono state rubate; onde ella che le tiene, è in sospetto di tale furto.

PANC. Un uomo della mia sorte? Della mia esemplarità?

BARG. Basta, si contenti che la lascio in libertà. Porto le gioje a Palazzo, e se vossignoria è innocente, vada a giustificarsi.

PANC. Io per la curia? Io per i tribunali? Son conosciuto, sono un uomo d’onore.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License