Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Lelio e detto.

 

LEL. (Ecco qui il mio fortunato rivale. Voglio vedere se colla dolcezza del mio pregare posso vincer l’amarezza del suo negare). (da sé)

TON. (Basta, colù me la pagherà). (da sé)

LEL. M’inchino all’elevato, anzi altissimo invidiabil merito del più celebre eroe dell’adriatico cielo.

TON. Servitor strepitosissimo della sua altitonante grandezza.

LEL. Perdoni, se colla noiosa articolazione de’ miei accenti ardisco offendere il timpano de’ suoi orecchi.

TON. Regurgiti pure la tromba de’ suoi eloqui, che io lasserò toccarmi non solo el timpano, ma ancora el tamburo.

LEL. Sappia ch’io sono delirante.

TON. Me ne son accorto alla prima.

LEL. Amore cogli avvelenati suoi strali ferì l’impenetrabil mio core.

TON. Sarave poco ch’el v’avesse ferio el cuor: l’è che el v’ha ferio anca el cervello.

LEL. Ah, signor Zanetto, voi che siete della famiglia de’ Bisognosi, soccorrete chi ha bisogno di voi.

TON. La gh’ha bisogno de mi? Mo per cossa?

LEL. Perché ardo d’amore.

TON. E mi l’ho da consolar?

LEL. Voi solo avete da risanar la mia piaga.

TON. Aséo! de che paese xela, patron?

LEL. Sono del paese de’ sventurati, nato sotto il cielo de’ miseri ed allevato nel centro de’ disperati.

TON. E el morirà all’ospeal dei matti.

LEL. Troncherò il filo del laberintico mio discorso colle forbici della brevità. Amo Beatrice, la desidero, la sospiro; so che da voi dipende, la chiedo in dono alla vostra più che massima, più che esemplarissima generosa pietà.

TON. Anca mi col cortelo della schiettezza taggierò el groppo della resposta. Beatrice xe mia, e cederò tutti i tesori del Gange, prima de ceder le belle bellezze della mia bella. (Siestu maledio, che el me fa deventar matto anca mi). (da sé)

LEL. Voi mi uccidete.

TON. Vi sarà un pazzo di meno.

LEL. Ah ingrato!

TON. Ah scortese!

LEL. Ah tiranno!

TON. Ah matto maledetto!

LEL. Ma se il mio amore in furia si converte, tremerete al mio furore.

TON. Sarò qual impenetrabile scoglio agl’infocati dardi della vostra furibonda bestialità.

LEL. Vado

TON. Andè.

LEL. Vado

TON. Mo andè.

LEL. Vado, crudele...

TON. Mo andè, che ve mando.

LEL. Vado, sì, a meditar vendette, pria che il sole nasconda in mare i rai. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License