Carlo Goldoni
I due gemelli veneziani

ATTO TERZO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Zanetto, poi Florindo

 

ZAN. Sentila... se la xe innamorada... la se despiera... e mi duro... ma... oimè, me manca el cuor... crepo, crepo... agiuto... agiuto.

FLOR. Come! Tonino in terra? Ecco il tempo di vendicarmi.

ZAN. Un’altra donna me corre drio... (si va torcendo)

FLOR. (Ma che vedo? Que’ moti paiono di moribondo). (da sé)

ZAN. Son morto... Son morto...

FLOR. (Muore davvero costui). (da sé) Ma che avete?

ZAN. Son morto...

FLOR. In che maniera?... che è stato?... (benché rivale, mi fa pietà). (da sé)

ZAN. Ho bevù... sì... le donne... Sior Pancrazio... oimè... oimè... son velenà... son morto... ma no... Via, donne... forti... duro, vedè... oimè. (muore)

FLOR. Ah che spirò il meschino! Chi mai l’ha assassinato? Come mai è egli morto? Che vedo? Ha un bicchiere vicino! Oh come è torbido questo vino! L’infelice fu avvelenato. (osserva il bicchiere, poi lo ripone in terra)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License