Carlo Goldoni
Il genio buono e il genio cattivo

ATTO SECONDO

SCENA SESTA   Anzoletto ed Arlecchino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Anzoletto ed Arlecchino

 

ANZ. (El gh'ha rason). (da sé)

ARL. Alo dito ben, o alo dito mal? (ad Anzoletto)

ANZ. Diseme, caro sior romano da Bergamo, chi diavolo v'ha fatto vegnir in sto paese?

ARL. Perché? no ghe posso vegnir? Ghe vien tanti altri; e no ghe posso vegnir anca mi?

ANZ. I omeni della vostra sorta no i xe fatti per viazar; no se va per el mondo co sto boccon d'ignoranza a svergognar la so patria.

ARL. Svergognar la so patria? Co sto abito? Co sta borsa de bezzi?

ANZ. I abiti e i bezzi xe belli e boni, ma ghe vol del saver, della prudenza e della bona condotta. Aveu sentìo sto francese? Da un omo solo spesse volte se giudica de tutti i altri. Se un italian fa una bassezza se mette in ridicolo el nome della nazion. Ve lo digo perché pur troppo son testimonio de sta verità, e cento volte ho dovesto arrossir. Compatisso quei che vien per bisogno, e i soccorro, se posso, coll'opera o col conseggio. Ma vu, per esempio, vu che qua per capriccio, per bizzarria, e che no fatto per viver in sto paese, ve prego da amigo, da fradelo, per el vostro ben e per l'onor della nostra patria comun, andè via de qua, partì più presto che podè; no v'esponé d'avantazo a renderve ridicolo in Franza; no fe che un omo d'onor, che un bon patrioto, come son mi, abbia un'altra volta la mortificazion de sentir per causa vostra a dir mal de quel caro paese, che venero, che rispetto, che adoro, mi che sparzerave el mio sangue per la so gloria, e per la so vera reputazion. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License