Carlo Goldoni
Il genio buono e il genio cattivo

ATTO SECONDO

SCENA QUATTORDICESIMA   Mademoiselle Lolotte al rastello che paga, poi entrano i suddetti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Mademoiselle Lolotte al rastello che paga, poi entrano i suddetti.

 

BAR. Ecco una giovane ch'io conosco. (ad Arlecchino)

ARL. La xe un tocchetto che consola el cuor.

BAR. Brava, mademoiselle Lolotte. Oggi voi siete delle prime.

LOL. La giornata è buona, non ho voluto lasciare di profittarne.

BAR. Permettetemi, mademoiselle, ch'io vi presenti questo cavalier forastiere.

ARL. Servitor del so merito, e ammirator delle so bellezze.

LOL. Serva umilissima. (Che figura ridicola!) (da sé)

BAR. Via, fatele il complimento alla francese; abbracciatela. (ad Arlecchino)

ARL. Che l'abbrazza?...

BAR. Sì, come si usa.

ARL. Me vergogno.

LOL. No, no, non s'incomodi. Eh, io non sono amica di tai complimenti. (ad Arlecchino)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License