Carlo Goldoni
Il genio buono e il genio cattivo

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Corallina ed Arlecchino, distanti l'uno dall'altra.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Corallina ed Arlecchino, distanti l'uno dall'altra.

 

COR. (L'ho fatta). (da sé)

ARL. (Ghe son cascà). (da sé)

COR. (Come farò per accomodarla?)

ARL. (Come l'aggiusteremo?)

COR. (Oh maledetto Genio Cattivo!)

ARL. (Oh vecchio barbon maledetto!)

COR. (Non mi l'animo di alzare gli occhi).

ARL. (No gh'ho coraggio de vardarla in fazza).

COR. (Il cuor mi dice: pentiti, vagli a dimandar perdono).

ARL. (Se procuressimo de far pase? Se ghe domandasse perdon?)

COR. (Ma perché avvilirmi a tal segno?)

ARL. (Ma perché usar sta poltroneria?)

COR. (Briccone! non cercava anch'egli di rimaritarsi?)

ARL. (Desgraziada! no volevela un altro mario?)

COR. (Mi ha perduto affatto l'amore).

ARL. (No la ghe pensa più gnente dei fatti mii).

COR. (Potrei tentar di ricuperarlo).

ARL. (La se poderia accomodar).

COR. (Ma che? Anderò io a pregarlo?)

ARL. (Saroi mi el primo a andarme a raccomandar?)

COR. (Oh questo no).

ARL. (No sarà mai vero).

COR. (Animo).

ARL. (Coraggio).

COR. (È rotta per sempre). (passeggia in collera)

ARL. (No la se comoda più). (passeggia con sdegno)

COR. Bell'azione! (verso Arlecchino)

ARL. Bella reputazion! (verso Corallina)

COR. Indegno! (passeggiando, e passando dall'altra parte)

ARL. Desgraziada! (passeggiando, e passando)

COR. Un'altra moglie! (voltandosi, e passeggiando)

ARL. Un altro mario! (voltandosi, e passeggiando)

COR. Bell'onor di un consorte! (passeggiando)

ARL. Bella fedeltà de muggier! (passeggiando)

COR. Il tuo pessimo esempio. (ad Arlecchino, con collera)

ARL. La to cattiva intenzion. (a Corallina, con collera)

COR. Lo sai, indegno, quanto ti ho amato? (come sopra)

ARL. Ti te ricordi, se t'ho volesto ben! (come sopra)

COR. (Oh quanto volentieri farei la pace!) (da sé)

ARL. (Squasi squasi me butteria). (da sé)

COR. (Ma no).

ARL. (No gh'è più remedio).

COR. Uomo cattivo. (ad Arlecchino, passeggiando)

ARL. Femena poco de bon. (a Corallina, passeggiando)

COR. Per te è finita. (come sopra)

ARL. No ghe penso più. (passeggiando)

COR. Non ho più marito. (passeggiando)

ARL. No gh'ho più muggier. (passeggiando)

COR. Andrò dove mi pare e piace. (passeggiando)

ARL. Farò quel che me parerà. (passeggiando)

COR. Addio. (voltandosi ad Arlecchino con sdegno)

ARL. Bona notte. (voltandosi a Corallina con sdegno)

COR. Non ti curi di me?

ARL. No ti me preghi?

COR. Pregarti, indegno?

ARL. Curarme de ti, desgraziada!

COR. È finita.

ARL. La xe decisa.

COR. Vado via.

ARL. Va a bon viazo.

COR. Che ognun dal canto suo cura si prenda.

ARL. Tu ver Gerusalemme, io verso Egitto. (partono da due parti opposte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License