Carlo Goldoni
Il genio buono e il genio cattivo

ATTO QUARTO

SCENA DECIMA   Corallina da una porta laterale sforzando le Guardie, e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Corallina da una porta laterale sforzando le Guardie, e detti.

 

COR. Lasciatemi entrare, signor giudice, signor Cadì, scusate la mia temerità. Sono una povera moglie afflitta, che viene in traccia di suo marito. S'egli ha fallato, avrà fallato per ignoranza. Vengo a domandare grazia per lui, e s'egli non può sperarla, s'egli deve morire, voglio anch'io morire con lui.

ARL. (Si confonde e s'intenerisce)

CADÌ Chi siete voi? Chi è vostro marito? Qual ragione vi ha qui condotti?

COR. Noi siamo due poveri paesani, lusingati dall'ambizione, sedotti dal Genio maligno, e precipitati dalla mala condotta. Troppo lungo sarebbe il dirvi quali avventure abbiamo passate, e come qui ci troviamo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License