Carlo Goldoni
L'erede fortunata

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Oh, eccola qua.

FLOR. (Ecco il servo opportuno). (da sé)

ARL. Cerca, cerca, v’ho pur trovà. (a Rosaura)

PANC. Che vuoi tu da mia figlia?

FLOR. Signor Pancrazio, ecco il testimonio che potrà autenticare quello che a me non volete credere.

PANC. Come! Arlecchino?...

ROS. Che può dire Arlecchino?

ARL. Mi digo...

FLOR. Dimmi un poco, chi mi ha introdotto in questa casa?

ARL. Mi, per la porta della riva, a scuro.

PANC. Tu, tocco di briccone...

ARL. Zitto, che vussioria non l’ha da saver.

PANC. Io non l’ho da sapere?

ARL. Sior no, no l’ha da saver altri che siora Rosaura.

ROS. Io?...

FLOR. Sentite? La signora Rosaura era intesa della mia venuta.

ROS. Non è vero.

FLOR. Tu, Arlecchino, chi andavi ora cercando.

ARL. Siora Rosaura, per dirghe che l’amigo l’era in camera a scuro, che l’aspettava.

PANC. Come?

ROS. Io non so nulla...

FLOR. Non lo sapeva la signora Rosaura ch’io era qui? (ad Arlecchino)

ARL. Non lo sapeva.

FLOR. Come non lo sapeva? Lo sapeva. (alterato)

ARL. Lo sapeva.

FLOR. Sentite? (a Pancrazio) Non son venuto io qui per ordine della signora Rosaura? (ad Arlecchino)

ARL. Signor sì.

ROS. Mentisci, temerario.

PANC. Chi ti ha dato quest’ordine? (ad Arlecchino)

ARL. Andè via, che no ghavì da intrar e no l’avì da saver. (a Pancrazio)

FLOR. Non doveva io parlare allo scuro colla signora Rosaura? (ad Arlecchino)

ARL. Sior sì, ma no gh’ha da esser el patron.

PANC. Chi ti ha detto che non vi ho da essere?

ARL. Me l’ha dito...

FLOR. Orsù, signor Pancrazio, la cosa è ormai troppo chiara, e mi fate ingiuria cercando testimonianze maggiori della verità.

PANC. Costui è un pappagallo; non si sa quel che dica.

ARL. Me maravei, son un omo che parla come i omeni; so quel che digo, e quel che digo vu no l’avì da capir. Cercava siora Rosaura, perché l’era aspettada a scuro; i s’ha trovà coll’amigo, bon pro ghe fazza, ma vu no ghavè da esser. Fiammetta, t’aspetto in cusina.

FIAMM. A che fare?

ARL. To fradello mor de voia de deventar me cugnà, e tutti i me amici no i vede l’ora che me marida. (parte)

FIAMM. Aspetteranno un pezzo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License