Carlo Goldoni
L'erede fortunata

ATTO SECONDO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Rosaura e Fiammetta

 

ROS. Oh me infelice! Mi può far peggio la sorte? Farmi credere infedele, farmi comparire poco onesta?

FIAMM. Ma, signora Rosaura, parliamoci fra di noi con vera confidenza e femminile libertà. Come va questa faccenda? Il signor Florindo è roba vostra sì o no?

ROS. Ti giuro, Fiammetta, sull’onor mio, e per quanto vi è di più sacro in cielo, che io non ne so nulla, che l’odio e l’aborrisco, e che egli è un temerario impostore.

FIAMM. Oh maladetto! E con tanta franchezza sostiene una tal falsità? E poi dice che noi altre donne siamo avvezze a fingere? E il signor Pancrazio, anch’egli si diletta di dire: siete donne, e tanto basta? Venga la rabbia a questi omenacci impertinenti, che ci vogliono far passare per doppie e per bugiarde, quando essi sono il ritratto della bugia e della falsità. Le donne, che hanno giudizio, fanno bene a non dir loro la verità, poiché, se si ha da soffrire delle mortificazioni, è meglio soffrirle per qualche cosa.

ROS. Ma quell’indegno, quel briccone d’Arlecchino, poteva dir peggio?

FIAMM. Oh! in quanto a colui, parla sempre a sproposito. Mio fratello mi vorrebbe precipitare. Il mio merito non esige un uomo di così vil condizione. Basta, non è ancor mio marito. Ma voi, signora mia, non ve la lasciate passare così facilmente, vi va della vostra riputazione. Fatelo disdire quell’impertinente.

ROS. E come dovrò io fare? Aiutami, per pietà.

FIAMM. Aspettate, vedo il signor Lelio, lo chiamerò.

ROS. No, per amor del cielo, che sua consorte è troppo gelosa.

FIAMM. Se è pazza, suo danno. Il signor Lelio vi può giovare. In casi simili non conviene trascurar cosa alcuna. Eh, signor Lelio, favorisca.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License