Carlo Goldoni
L'erede fortunata

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Beatrice e detti.

 

BEAT. E per me, signor Lelio, non vi resta nulla?

LEL. Il cuore, che è tutto vostro.

ROS. (Ecco la gelosa). (da sé)

FIAMM. (Ecco la pazza). (da sé)

BEAT. No, no, seguite pure. Io non voglio disturbare i vostri interessi.

ROS. Signora, voi anzi potete contribuire alla mia quiete.

BEAT. Certo, potrei consolarvi col soffrire e tacere.

FIAMM. Non impedite un’eroica azione del vostro signor consorte.

BEAT. Bell’eroismo! Cicisbeare sugli occhi della propria moglie!

LEL. Signora Beatrice, siete in errore.

BEAT. Toglietevi dagli occhi miei. Lasciatemi stare. Uomo senza giudizio e senza riputazione.

LEL. Orsù, ho capito. Aspettatemi, che ora sono da voi. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License