Carlo Goldoni
L'erede fortunata

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Rosaura, Beatrice e Fiammetta

 

BEAT. Che pretende di fare? Giuro al cielo, se mi perderà il rispetto, l’avrà da far meco. E voi, signora Rosaura, fareste meglio a badare a’ fatti vostri, e lasciar stare mio marito; e tu, impertinente, vattene tosto di questa casa. (a Fiammetta)

FIAMM. Oh certo, che mi fate un gran dispiacere a licenziarmi dal vostro servizio. Le donne della mia qualità sono ricercate, pregate, e non pregano. (parte)

ROS. Ma possibile, signora Beatrice, che vi lasciate così acciecare dalla gelosia, senza riflettere all’offesa che fate alle persone d’onore, senza considerare al vostro decoro, e senza prima assicurarvi del fondamento? Io sono una figlia onorata. Sono una sventurata amante d’Ottavio. Florindo mi perseguita, m’insidia, mi calunnia, mi vuole precipitare. Chiamo in soccorso il signor Lelio vostro consorte; egli per pietà, per cavalleria, mi promette assistenza, e voi lo rimproverate, e voi così mi mortificate? E di lui e di me così ingiustamente ardite di sospettare? Pensateci meglio; vergognatevi di voi medesima; mutate costume, se non volete vivere da insana, e morire da disperata. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License