Carlo Goldoni
L'erede fortunata

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Lelio, Beatrice, Fiammetta, Arlecchino e detti.

 

LEL. Evviva gli sposi.

BEAT. Mi rallegro con la signora cognata.

ROS. Rallegratevi veramente meco, se voi mi amate; poiché la più felice, la più lieta femmina non vi è di me in questo mondo.

FIAMM. Anch’io me ne consolo, signora padrona.

ARL. E mi niente affatto.

ROS. Niente! Perché?

ARL. Perché le vostre consolazion no le remedia le me desgrazie. Vucontenta col matrimonio, e mi son desperà, perché Fiammetta no me vol.

ROS. Perché, poverino, non lo vuoi? Non vedi che è tanto buono?

PANC. Sposalo, sciocca, che starai bene.

TRAST. Sorella, fa questo matrimonio, che ti chiamerai contenta.

OTT. Via, ti darò io trecento scudi di dote.

FIAMM. A quest’ultima ragione mi persuado. Arlecchino, sarò tua moglie.

ARL. Sto sarò l’è un pezzo che el me va seccando.

FIAMM. Vuoi adesso?

ARL. Adesso.

FIAMM. I trecento scudi. (ad Ottavio)

OTT. Te li do subito.

FIAMM. Ecco la mano.

ARL. Evviva, o cara; adesso sì son contento.

LEL. Non vedi che ti sposa per i trecento scudi? (ad Arlecchino)

ARL. Cossa m’importa a mi? Ella goderà i trecento scudi e mi ghaverò la muggier.

PANC. Andiamo dunque a disporre le cose, per celebrare con maggior allegrezza gli sposalizi.

DOTT. Signor Pancrazio, signori tutti, vi riverisco. Quel ch’è stato, è stato. Vi prego almeno per la mia riputazione non dirlo a nessuno, perché mi farebbero le fischiate. (parte)

TRAST. Gli vado dietro per aver la mia parte.

PANC. Trastullo, siete padrone di casa mia. Vi son tanto obbligato.

TRAST. Ho fatto il mio dovere. E vi sono umilissimo servitore. (parte)

PANC. Ottavio, sei tu contento?

OTT. La consolazione mi opprime il cuore.

PANC. E voi, figlia mia? (a Rosaura)

ROS. Io non merito certamente il gran bene che oggi dal cielo, da voi e dalla fortuna ricevo. Sono unita al mio caro sposo, sono al possesso della mia eredità, sono in casa di persone che amo, e venero, e stimo; onde chi sa i miei casi, chi ravvisa il mio stato, dirà con ragione ch’io sono l’erede da principio per vero dire angustiata ed afflitta, ma poi per favor del cielo felice e contenta.

 

 

>


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License