Carlo Goldoni
Il feudatario

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

La Marchesa Beatrice e Pantalone

 

BEAT. Dunque, signor Pantalone, mi consigliate ancor voi a far questo matrimonio?

PANT. Certo che un zorno o l'altro sta putta pol trovar qualchedun che la mena a Napoli, che la introduga a la Corte, e ghe fazza restituir quello che per giustizia no se ghe pol levar.

BEAT. Quando trattasi di giustizia, so anche io decidere contro di me medesima; e se un matrimonio può mettere in sicuro la nostra pace, non tralascerò di procurarlo. Spiacemi che il Marchesino non mi pare inclinato a farlo.

PANT. E pur la me permetta che ghe diga, col vede le donne, el par el gallo de madonna Checca.

BEAT. È vero: per questo in Napoli non lo lascio mai solo. O viene meco, o lo mando col precettore, o con un buon cameriere, o con qualche stretto congiunto della famiglia.

PANT. La fa benissimo. I putti i se lassa andar soli manco che se pol, e più tardi che se pol; perché, co i va soli, i fa delle amicizie, e i amighi xe quelli che li tira a precipitar.

BEAT. Finché stiamo in Montefosco, mi pare di viver quieta. Qui non ci sono donne che possano innamorarlo.

PANT. Cara Eccellenza, ghe dirò: dove ghe xe dell'acqua, ghe xe del pesce; voggio dir, dove ghe xe femene, ghe xe pericolo. Ste nostre donne, che no xe avvezze a véder forestieri, co capita qualchedun, le lo sorbe coi occhi: le ghe corre drio: le va a gara una dell'altra per farghe delle finezze. I pari le tien serrae, i marii le bastona, ma ele, co le pol, no le ghe mette scala.

BEAT. Dunque anche queste villane si dilettano di fare all'amore?

PANT. E come!

BEAT. E non hanno riguardo a farlo con persone nobili?

PANT. Anzi allora le se ne gloria, e le crede de far onor a la casa, co le fa l'amor con un cavalier.

BEAT. Dunque il Marchesino anco qui è in pericolo?

PANT. Mi no ghe farave la sigurtà.

BEAT. Fatemi il piacere, signor Pantalone, dite a mio figlio che venga qui. Vo' concludere, se mai posso.

PANT. La servo subito. La fa ben, se la pol, a sto negozio. La salva, co dise el proverbio, la cavra e le verze2. (parte)

 

 

 





p. -
2 La capra e i cavoli.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License