Carlo Goldoni
Il feudatario

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

La Marchesa Beatrice e detti

 

BEAT. Amici, che novità? Che strepito? Che sollevazione?

ROS. Signora, il vostro figliuolo ha irritati gli animi di queste genti. La vostra bontà li moderi, li consoli.

BEAT. Non crediate già che le vostre minacce arrivino a spaventarmi, gente rustica, gente indiscreta! A voi non tocca giudicare sui diritti di chi vi è destinato in signore. L'ardir vostro sarà noto alla Corte, e la vostra temerità sarà giustamente punita.

NAR. (Mi fa un poco di paura). (da sé)

MARC. (Questa volta per aggiustarla bisognerà vendere tre o quattro campi). (da sé)

ROS. Signora mia, sono mortificata che per mia cagione abbiate a soffrire...

BEAT. Rosaura, sì, sarete contenta; fidatevi dei temerari, e dichiaratevi mia nemica.

ROS. Deh! ascoltatemi...

BEAT. Non mi aspettava da voi un simile trattamento, ma fia per vostro peggio. Se ricusate la mia amicizia, proverete il mio sdegno. (In tale stato è necessario lo spaventarla). (da sé)

ROS. Non crediate che io...

CEC. Noi siamo, che la vogliamo.

NAR. La nobile antica Comunità.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License